counter
SEI IN > VIVERE MARCHE >

Fano: battesimo del “praticòbile” al Teatro della Fortuna

3' di lettura
1191

A quindici giorni dalla presentazione e a meno di dieci dall’inaugurazione, la terza edizione della Rassegna Lirica Torelliana, organizzata dalla Fondazione Teatro della Fortuna, è nel pieno del suo fermento creativo-produttivo.

da Fondazione Teatro della Fortuna

Tante le cose da fare, alcune già pronte altre in corso d’opera, altre ancora in fase iniziale. Il Teatro della Fortuna in questo momento è una vera e propria fucina di idee e iniziative.
Mentre nella Sala Verdi si seleziona il cast per il Gran Veglione del 17 febbraio, il palcoscenico è impegnato quotidianamente per le prove de L’elisir d’amore, la splendida opera giocosa di Donizetti che inaugura la Rassegna il prossimo 3 febbraio.
Tutto questo in un Teatro della Fortuna completamente trasformato dai lavori di costruzione del praticabile, la piattaforma in legno che ha sollevato la platea all’altezza del palcoscenico per riprodurre l’antico salone delle feste dove si terranno il Ballo in Maschera (il 3 febbraio dopo la prima dell’Elisir) e il Veglione.

Questa struttura, realizzata dal Laboratorio Maurizio Morini di Pesaro, verrà “battezzata” sabato 27 gennaio alle 12,30 alla presenza di Stefano Aguzzi, sindaco di Fano e presidente della Fondazione Teatro della Fortuna, Simone Brunetti sovrintendente della Fondazione e Davide Rossi, assessore alla Cultura e consigliere della Fondazione e di tutti i cittadini che vorranno partecipare all’originale cerimonia.

Padrino illustre di questo battesimo un grande interprete dei ruoli da baritono buffo - protagonista, nella parte di Dulcamara, dell’Elisir d’amore che inaugura la RTL 2007 -, Bruno Praticò, la cui presenza e partecipazione ha suggerito, già da tempo, agli organizzatori il “nome” della neonata struttura che viene ormai affettuosamente chiamata dagli addetti ai lavori “Praticòbile”.
Scherzi a parte Bruno Praticò è una delle eccellenze del mondo operistico italiano, un artista che possiede un repertorio che va dal Settecento fino a Mozart e Rossini, con all’attivo più di cento ruoli, che ha calcato i palcoscenici dei maggiori teatri del mondo, tra cui il Metropolitan di New York, il Teatro alla Scala di Milano, San Carlo di Napoli, Staatsoper di Vienna, La Fenice di Venezia, Comunale di Bologna, Regio di Parma, Opéra di Montecarlo, Opéra National de Paris, Covent Garden di Londra, Nederlandse Opera di Amsterdam, Opéra di Losanna, Japan Opera Foundation e New National Theatre di Tokyo, Teatro De La Maestranza di Siviglia, Teatro Reál di Madrid e Grand Théâtre di Ginevra.

Ha cantato guidato dalla bacchetta di grandi direttori d’orchestra come Claudio Abbado, Bruno Campanella, Riccardo Chailly, Gianluigi Gelmetti, Donato Renzetti e Carlo Rizzi e diretto da registi quali Luca Ronconi e Pier Luigi Pizzi. Da sette stagioni è ospite regolare al Rossini Opera Festival di Pesaro, dove è stato premiato con il “Rossini d’Oro 1998”, e dove ha sempre ottenuto un grande successo personale di pubblico e di critica.

Insomma un padrino d’eccezione che renderà la cerimonia d’inaugurazione di quella che diventerà il salone delle feste del Teatro della Fortuna del periodo carnevalesco un evento da ricordare.
Ingresso libero.

Info. Botteghino Teatro della Fortuna, piazza XX Settembre 61032 Fano
Tel. 0721.800750 fax 0721.827443, botteghino.teatro@comune.fano.ps.it


Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 26 gennaio 2007 - 1191 letture