counter
SEI IN > VIVERE MARCHE >

Il premio Ancona città solidale intitolato a Sandro Totti

2' di lettura
1229

E’ intitolata al dott. Sandro Totti, la quarta edizione del Premio Ancona città solidale, che verrà assegnato durante una cerimonia pubblica al Teatro Sperimentale, martedì 23 gennaio, a partire dalle 16.30.

dal Comune di Ancona

Già primario di Medicina interna, presidente dell'Associazione Medici Cattolici, il dott. Totti, scomparso nel 2004, è stato un professionista amato e stimato. Ma la sua notorietà è soprattutto legata al suo modo particolare di essere medico, di essere vicino agli ultimi, di vedere nel malato non tanto la malattia, quanto l'umanità.

E se sapeva curare con competenza e professionalità il corpo, non meno efficace era la sua azione nei confronti dell'anima: animato da una grande fede, sapeva dare ai malati conforto, speranza, coraggio. E' stato il medico di vescovi e di illustri professionisti, ma anche di persone indigenti, alle quali non solo non chiedeva compensi, ma a volte era lui che donava qualcosa, facendo intervenire, se necessario, i servizi sociali o le associazioni di carità.

Il “Premio Ancona Città solidale”, come è ormai noto, è un riconoscimento pubblico che l’Amministrazione comunale vuole tributare o coloro che si sono maggiormente distinti nel corso dell’anno appena trascorso in opere di solidarietà, generosità, altruismo e impegno sociale. Chiunque può segnalare i nominativi di persone, gruppi, associazioni o enti che siano meritevoli del premio.

Le segnalazioni devono essere firmate ed inviate o consegnate- anche su apposito modulo scaricabile dal sito del Comune di Ancona o a disposizione presso l’URP del palazzo comunale- a Servizi sociali, educativi e sanità, Comitato Premio “Ancona città solidale”, c.a. Laura Felice, Viale della Vittoria 37, 60123 Ancona Tel. 071 2226115 - Fax 071 2222181 E.mail: laura.felice@comune.ancona.it

La scadenza per le segnalazioni è stata prorogata di un giorno ed è fissata per venerdì 19 gennaio alle ore 14.


Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 16 gennaio 2007 - 1229 letture