counter
SEI IN > VIVERE MARCHE >

Pistelli: procedono gli accordi per il polo logistico delle Marche

2' di lettura
952

L’assessore Loredana Pistelli intervenendo alla tavola rotonda organizzata dalla Cgil su “Ancona, polo logistico intermodale delle Marche” ha voluto prima di tutto rispondere alla domanda base del convegno: “Intende la Regione attivarsi per l’inserimento nel progetto autostrade del mare?” come hanno fatto altre regioni adriatiche?.

dalla Regione Marche
www.regione.marche.it

“C’è già un impegno di massima e un accordo generale per non perdere tali opportunità – ha detto la Pistelli – ma l’attenzione resta alta perché ciò non sia un progetto fine a se stesso. Il porto di Ancona ha bisogno di dotarsi di banchine, nuovi spazi e strumenti di manovra, insomma tutto ciò che occorre per essere competitivo e attirare nuovi traffici sia merci che passeggeri. Su questo abbiamo attivato il confronto più ampio con il ministero e con l’autorità portuale. Ancona è e resta comunque un casello fondamentale all’interno di questo progetto europeo. Sviluppo Italia ha già stretto accordi con molte singole regioni: adesso noi vogliamo che sia il ministero a continuare tale percorso e proseguire con decisione”.

A conclusione dei lavori l’assessore Pistelli ha poi detto, a proposito delle infrastrutture porto, aeroporto e interporto: “Per ognuna di queste infrastrutture, la Regione è in prima linea con indirizzo e impegno politico e con fondi di sostegno. Ma anche per una visione superiore d’insieme. Il protocollo d’intesa firmato fra tutte e tre è il miglior esempio di come procedere per attivare una funzionale piattaforma logistica integrata, che diventi veramente il primo polo delle Marche e fra i primi del centro Italia.

Anche su tale intenzione, abbiamo stretto una collaborazione preziosa con Umbria, Abruzzo e Lazio in modo da mettere in collegamento Tirreno e Adriatico e portare così al ministero delle richieste precise e circostanziate delle esigenze di mobilità intermodale e di logistica che mettono le Marche al centro dell’intero sistema di scambio della penisola”.


Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 13 gennaio 2007 - 952 letture