counter
SEI IN > VIVERE MARCHE >

Gli agricoltori in piazza contro la Giunta Regionale

3' di lettura
1110

Nella giornata dell'11/01/07 è stata tenuta presso la sala URBANI del Consiglio Regionale una conferenza stampa organizzata da LI.C.A.M. (Libero Comitato Agricoltori Marchigiani), TERRA SANA e AMAB sulle motivazioni che hanno indotto gli agricoltori a decidere di scendere autonomamente in piazza, confermando per il 15.01.2007 alle ore 10.00 una manifestazione di protesta contro la politica adottata da questa Giunta Regionale nei confronti del mondo agricolo marchigiano.

da LI.C.A.M.
Libero Comitato Agricoltori Marchigiani

Presenti i capigruppo di maggioranza, Margherita, DS, Verdi e di minoranza Forza Italia, sono state dibattute e approfondite le motivazioni che sinteticamente il coordinatore regionale del LICAM Squarella cosi riassume : “Non vogliamo sostituirci al ruolo che storicamente è stato svolto dalle OO.PP.A (Organizzazioni professionali agricole), ma sicuramente un problema di rappresentanza si pone nel momento in cui è necessario per dar voce al mondo agricolo Marchigiano che gli agricoltori si auto convochino per manifestare un malessere e tutelare cosi i propri interessi, diritti e dignità del lavoro.
La Giunta Regionale nella gestione del vecchio Programma di sviluppo rurale ha prima obbligato le aziende a realizzare velocemente le opere finanziate, poi ha omesso di liquidare gli aiuti garantiti nei bandi di accesso. Oggi molte aziende sono sull’orlo del fallimento e tutto cio’ nonostante che una mozione approvata dal Consiglio Regionale all’unanimità obbliga la Giunta a anticipare per TUTTE le aziende il contributo dovuto. Ci sono sicuramente elementi di responsabilità politica e Dirigenziale in tutto cio’, ma negli ultimi atti approvati dalla Giunta , tali Dirigenti ricevono incentivi e premi mentre molti funzionari vengono promossi.

Come si può arrivare a tanto? al danno la beffa.
Gli agricoltori non sono piu’ disposti a sopportare, è ora che gli errori fatti vengano riconosciuti e chi ha sbagliato venga allontanato. Anche nel nuovo PSR la strategia non cambia, aiuti solo nei comuni scelti dalla Regione, la chiamano zonizzazione, per noi è clientelismo. Accesso solo per aziende con almeno 50.000 euro di reddito , caro Presidente a chi vogliamo prendere in giro solamente il 5 % delle aziende agricole Marchigiane raggiungono tali livelli.

Vogliamo rivolgerci ai soliti noti? Nel piano zootecnico regionale, si parla di sviluppo della zootecnia estensiva e biologica, ritiene che si possano sviluppare queste filiere senza erogare aiuti alla produzione biologica di erbai e prati polititi? Cosa daremo al Ns. bestiame? dovremmo acquistarlo dalle Regioni limitrofe? O dall’estero? A questi quesiti , chiediamo che il Presidente SPACCA risponda personalmente nella manifestazione che terremo il 15 Gennaio e se nulla cambierà siamo pronti a mobilitarci di nuovo, ma questa volta con mezzi e animali che porteremo in Ancona per far conoscere ai nostri amministratori e all’attuale classe dirigente un mondo che alla luce dei fatti non sembrano conoscere minimamente
”.


Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 13 gennaio 2007 - 1110 letture