counter
SEI IN > VIVERE MARCHE >

Personale della Regione: obiettivo stabilizzare i precari

2' di lettura
1164

Privilegiare le indennità di risultato rispetto a quelle di posizione e incrementare le risorse per valorizzare la professionalità dei dipendenti interni.

dalla Regione Marche
www.regione.marche.it

Sono due obiettivi che la Giunta regionale intende conseguire nel 2007, insieme alla stabilizzazione del personale precario, proseguendo la strada della razionalizzazione della struttura amministrativa che ha già consentito un contenimento della spesa: nel 2006 la Regione ha avuto un risparmio di 431 mila euro nella sola gestione dei fondi destinati alla dirigenza.

L’esecutivo ha discusso oggi - nel corso della seduta settimanale – la destinazione di tali risorse, sospendendo la validità della delibera che regolamenta il contratto integrativo dell’area dirigenziale. “La Regione – sottolinea il presidente Gian Mario Spacca – propone di riaprire il confronto con i sindacati, per incrementare l’efficienza operativa dell’ente, nel pieno rispetto dei vincoli finanziari esistenti. È indispensabile proseguire nella strada della razionalizzazione delle risorse e nella valorizzazione delle professionalità interne.

La semplificazione della struttura regionale da 43 a 12 servizi, la loro gestione per obiettivi, la riduzione dei costi per le consulenze: sono tutte tappe che devono favorire il consolidamento di una operatività amministrativa calibrata all’esigenze di una comunità regionale in continua e rapida crescita”. Spacca ha indicato gli obiettivi da raggiungere, attraverso un rinnovato confronto con le organizzazioni sindacali: “Equiparazione dei trattamenti economici dei dirigenti della Giunta e del Consiglio regionale, privilegiando le responsabilità individuali rispetto alle posizioni formali; incremento dei fondi destinati alla produttività dei dipendenti del comparto (l’area non dirigenziale); stabilizzazione del personale precario.

Scelte che favoriranno una maggiore equità nelle retribuzioni e un incremento dell’efficienza della macchina amministrativa, responsabilizzando e valorizzando soprattutto le energie interne della Regione”.


Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 10 gennaio 2007 - 1164 letture