counter
SEI IN > VIVERE MARCHE >

Civitanova: al Teatro Rossini in scena Questi fantasmi!

4' di lettura
1024

Giovedì 11 e venerdì 12 gennaio al Teatro Rossini di Civitanova Marche e sabato 13 gennaio al Teatro Sanzio di Urbino – nell’ambito delle stagioni promosse dai rispettivi Comuni e dall’Amat - sarà in scena Questi fantasmi!, spettacolo che offre l’occasione di ammirare la magistrale interpretazione di Silvio Orlando che - reduce dai successi cinematografici - torna al teatro e al confronto con Eduardo De Filippo, mettendo in scena uno dei suoi capolavori più celebri diretto dal regista Armando Pugliese.

La storia di Questi fantasmi! è perfettamente sintetizzata da Eduardo nel sottotitolo della sua prima stesura dell’opera: “apparizioni raccapriccianti: uno sguardo agli uomini, un altro alle cose di tutti i giorni e ti accorgerai che al raccapriccio hai fatto l’abitudine”.

Fu scritta nel 1946, Eduardo racconta con un piccolo aneddoto, l’idea della commedia: "C’era un vecchio con la barba che veniva a casa quando ci trovavamo tra amici perché raccontava di essere uno specialista di sedute spiritiche. Per convincermi, mi diceva che spesso, tornando a casa sua, trovava un tipo che usciva e lo salutava. Diceva di essere un fantasma. Io gli chiesi: “Lei è sposato? E sua moglie non dice nulla?” “Non se ne accorge”- mi rispose - “non lo vede”. Così nacquero Questi Fantasmi!".

Ma c’è anche un episodio dell’autobiografia di suo padre che potrebbe aver sedimentato nella memoria dell’autore: Eduardo Scarpetta, da bambino, aveva abitato in un «palazzo grande come una caserma», dato in affitto a poco ai genitori perché si diceva infestato da un «munaciello»; ma la madre (Emilia Rendina) si suggestionò al punto di avvertire ogni giorno misteriose presenze e costrinse dopo qualche mese il marito (Domenico Scarpetta) a traslocare.

Scrive Pugliese nelle note di regia: “Questi fantasmi!, uno dei più famosi testi di Eduardo, etc., etc. Mi viene da pensare: questo testo ebbi il piacere di metterlo in scena per Luca De Filippo e la sua compagnia alcuni anni fa e, se la memoria non mi inganna, lo spettacolo andò molto bene. Molto mi concentrai sulla casa degli spiriti a quel tempo, e sul rapporto dei personaggi con quella casa, molto mi concentrai sulle influenze scarpettiane e su quelle pirandelliane nella stesura eduardiana di uno dei suoi primi capolavori del dopoguerra, eppure…

Eppure qualcosa sicuramente doveva mancare, forse per la mia non sufficiente sostanziosa esperienza teatrale o umana. Certo il gioco in bilico tra apparenza e reatà tra finzione e verità, che pervade tutto il lavoro è ciò che cercai di evidenziare, ma i piatti della bilancia forse pendevano un po' troppo a favore dell’ingenuità del nostro Pasquale Lojacono. Oggi mi chiedo: ma tutto il distinguo tra “fesso” e “furbo” così caro ai miei concittadini, quel distinguo che quasi sempre tralascia la considerazione che oltre a quelle due condizione possa esisterne una terza, l'intelligenza, l’avrò sottolineato a dovere? E riuscirò oggi a far capire che sostanzialmente di questa pasta è il nostro protagonista, perché così lo ha voluto l’autore, con le sue disperazioni e le sue esaltazioni, in una partita in cui mette in ballo il valore stesso della sua esistenza?

Speriamo di si, così come speriamo di far almeno intuire che aldilà del gioco dei fantasmi, aldilà dello svilupparsi degli interessi o degli appetiti o delle necessità dei nostri personaggi maschili, chiaro, anche se in forme diverse, fa risultare, l’autore, vero dramma quello delle donne. Già, perché aldilà delle incredibili trovate comiche e delle paradossali situazioni grottesche, proprio di dramma stiamo parlando, con tutti i suoi risvolti amari, compreso quel “… è probabile… speriamo” che lo chiude, foriero di altri drammi a venire”.

Accanto a Silvio Orlando in scena ci sono gli attori Tonino Taiuti, Carlo di Maio, Mimma Lovoi, Daniela Marazita, Francesco Procopio, Lello Radice e Maria Laura Rondanini . Le scene e i costumi sono di Bruno Buonincontri, le luci di Cesare Accetta.

Informazioni e biglietti per Civitanova Marche: Teatro Rossini 0733 812936.
Informazioni e biglietti per Urbino: Teatro Sanzio 0722 2281.
Vendita biglietti on line su www.amat.marche.it.
Inizio spettacoli ore 21.


Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 09 gennaio 2007 - 1024 letture