Macerata: odg del consiglio provinciale sulla Politica Comunitaria

2' di lettura 30/11/-0001 -
L’occupazione, lo sviluppo urbano e rurale, la tutela dell’ambiente e l’immigrazione, l’inclusione sociale.

dalla Provincia di Macerata
www.provincia.mc.it


Sono questi i problemi che maggiormente stanno a cuore ai cittadini ed a cui si deve rivolgere la politica comunitaria. Lo ha sostenuto il Consiglio provinciale di Macerata con un ordine del giorno approvato su proposta del suo presidente, Silvano Ramadori.

L’occasione per la presentazione del documento è data dall’approssimarsi del cinquantesimo anniversario dei Trattati di Roma. L’Ordine del giorno, suggerito in sede di Conferenza nazionale dei presidenti dei Consigli provinciali – ha sottolineato Ramadori - vuole essere anche un modo per incoraggiare la ripresa del processo di ratifica del Trattato Costituzionale indispensabile per la realizzazione del “progetto europeo”.

“Il Consiglio provinciale di Macerata – si legge – consapevole della crescente importanza della dimensione europea nella vita di cittadini; cosciente del fatto che una corretta governance si fonda sui principi di prossimità, sussidarietà e interdipendenza; convinto che il processo di unificazione dell’Europa della pace e della solidarietà sia necessario ed ineludibile; certo del ruolo fondamentale che le autorità regionali e locali possono svolgere per far crescere nei cittadini una forte coscienza europea attraverso una migliore comunicazione dell’Europa al cittadino; s’impegna: a mobilitare i cittadini sui temi europei che hanno maggiore incidenza sulla loro vita in modo da favorire una partecipazione più consapevole alla costruzione del progetto europeo; a richiedere ai propri eletti di operare di concerto per stabilire un legame democratico tra l’UE e i cittadini, raccogliendo le istanze di questi ultimi; ad incoraggiare l’introduzione nei programmi scolastici di corsi di educazione civica su: il significato del progetto europeo, i suoi valori costitutivi, la genesi e le sfide per il futuro”.

L’ordine del giorno si conclude richiedendo: “All’Unione Europea che la politica comunitaria sia rivolta particolarmente ad affrontare i problemi che maggiormente stanno a cuore ai cittadini come ad esempio: l’occupazione, lo sviluppo urbano e rurale, la tutela dell’ambiente e l’immigrazione, l’inclusione sociale; alla Delegazione italiana del Comitato delle Regioni di essere un tramite visibile tra il sistema delle Autonomie del Paese e l’UE, garantendo il rispetto dei principi di prossimità, sussidarietà e interdipendenza e facendosi latore delle aspettative locali del disegno europeo; ai mezzi di comunicazione nazionali e locali che l’informazione e la comunicazione dell’UE e sull’UE siano considerate un fondamento indispensabile della loro opera di informazione e divulgazione”.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 04 gennaio 2007 - 846 letture

In questo articolo si parla di provincia di macerata





logoEV