counter
SEI IN > VIVERE MARCHE >

Fano: CicloPe, sicurezza per pedoni e ciclisti

3' di lettura
1475

Alcune piste ciclabili di Fano non sembrano le caratteristiche tecniche previste dal decreto ministeriale.

da Comitato CicloPe

Visto il Decreto Ministeriale 30/11/1999 n. 557 – Regolamento recante norme per la definizione delle caratteristiche tecniche delle piste ciclabili (G.U. n. 225 del 26 sett. 2000)

Osservate le caratteristiche costruttive e dimensionali delle piste ciclabili e dei percorsi promiscui pedonali e ciclabili presenti sul territorio del Comune di Fano,

rileviamo che alcuni di questi sembrano non rispettare le caratteristiche tecniche previste dal suddetto D.M. e quindi probabilmente non sono a norma di legge. In particolare segnaliamo:

1)pista ciclabile via Palazzi, Via Montegrappa: la segnaletica indica che la pista è a doppio senso di marcia. Essendo su carreggiata stradale la sede della pista ciclabile deve essere fisicamente separata da quella relativa ai veicoli a motore ed ai pedoni, attraverso idonei spartitraffico longitudinali fisicamente invalicabili (art. 6).

2)pista ciclabile via IV Novembre, lato nord: situazione come al punto 1)

3)pista ciclabile Viale XII Settembre, lato nord: esiste un palo che regge la segnaletica stradale in mezzo alla pista. Ciò rappresenta un elemento di pericolo per i ciclisti (art. 4)

4)percorso pedo-ciclabile Via Roma (incrocio da Via Palazzi a Via Gramsci): su marciapiedi di larghezza variabile si trovano, ai lati della carreggiata stradale, una pista ciclabile a due sensi di marcia, un percorso pedonale e vari stalli di sosta per le auto. Ne’ il percorso pedonale, ne’ la pista ciclabile hanno dimensioni e caratteristiche tecniche a norma di legge. Inoltre la sosta sul marciapiede è incompatibile sia con la sicurezza di pedoni e ciclisti, sia con la sicurezza viaria, essendo posta ai lati di una strada di grande comunicazione senza corsie di immissione. (art.4 – art. 6 -art. 7)

5)quasi tutte le piste ciclabili o i percorsi promiscui hanno una segnaletica insufficiente, contradittoria (es. segnale pedone/ciclista rovesciato!), poco visibile o in alcuni casi mancante.

6)non tutte le piste ciclabili rispettano le dimensioni di legge (art. 7)

Inoltre rileviamo una situazione di grave pericolo per la circolazione di pedoni e ciclisti nei due sottopassi ferroviari di Via N. Sauro e Via Carducci (testimoniata anche da alcuni gravi incidenti occorsi) e nel sovrapasso ferroviario di Viale Cesare Battisti.

Per i motivi sopra riportati La invitiamo a far mettere a norma di legge le piste ciclabili, ed i percorsi promiscui pedonali e ciclabili presenti nel territorio comunale di Fano, e a mettere in sicurezza i tratti stradali di cui al precedente capoverso.

Confermiamo infine la nostra disponibilità a sederci ad un tavolo dove, insieme ai tecnici comunali e all’assessore competente, si affrontino a 360° i problemi della mobilità fanese, senza preclusioni, ma con un comune obiettivo di favorire la sicurezza e la mobilità di pedoni e ciclisti.


Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 03 gennaio 2007 - 1475 letture