Macerata: parte la raccolta fondi per ristrutturare la sede dell'Anffas

30/11/-0001 -
La solidarietà rende possibile qualsiasi cosa, o meglio, qualsiasi… casa!” Sul gioco della doppia vocale poggia lo slogan ideato per lanciare la raccolta di fondi a favore dell’Anffas onlus (Associazione nazionale famiglie di disabili intellettivi e relazionali) di Macerata.

dalla Provincia di Macerata
www.provincia.macerata.it


Sarà una campagna nazionale e le risorse che arriveranno da cittadini, aziende, enti e istituzioni serviranno a ristrutturare lo stabile di via Vanvitelli in cui l’associazione intende realizzare un “Centro servizi” per attività educative, riabilitative e di formazione.

L’iniziativa è stata presentata in Provincia dal presidente Giulio Silenzi, dal presidente dell’Anffas di Macerata, Mario Sperandini, e dall’assessore provinciale alle Politiche sociali, Alessandro Savi. La Provincia, infatti, oltre ad aver concesso all’associazione la struttura di sua proprietà con la formula del diritto di superficie per 99 anni (è stato, nel 2004, il primo atto amministrativo della Giunta-Silenzi), vuol essere “testimonial” attivo di questo progetto perché le risorse necessarie sono piuttosto ingenti. “L’obiettivo che ci siamo dati rappresenta una vera e propria sfida di solidarietà – ha spiegato il presidente Silenzi –. Vogliamo che si diffonda sempre più, fra noi, una cultura che sappia apprezzare e valorizzare la differenza”.

Le spese di restauro preventivate ammontano a circa 3 milioni e 335 mila euro: “Un impegno finanziario necessario – ha detto il presidente Sperandini – affinché l’Anffas possa continuare a rappresentare nel territorio un riferimento importante nel campo socio-riabilitativo”.

Fin d’ora è possibile aderire alla raccolta dei fondi attraverso un versamento su un apposito conto corrente postale – numero 14416622 – intestato ad Anffas onlus Macerata oppure tramite bonifico bancario sul conto corrente 2780 ABI 06055 CAB 13401 intestato sempre ad Anffas onlus Macerata. Poi, col nuovo anno, grazie al sostegno dell’associazione nazionale, sarà possibile aderire alla campagna di solidarietà a favore della sede di Macerata inviando un SMS a un numero di telefono che verrà riconosciuto da tutte le compagnie di telefonia mobile operanti in Italia. Ogni messaggio, cui sarà dato il nome di “SMS Solidale”, avrà il valore di un euro. L’iniziativa sarà promossa a livello nazionale attraverso televisioni, radio, giornali, internet, manifesti, depliant e così via. Seguendo altri percorsi, intanto, si stanno già sensibilizzando aziende della provincia, enti territoriali, istituzioni, Fondazioni e il mondo dell’associazionismo.

Oggi l’Anffas è una realtà molto importante per il nostro territorio – ha spiegato l’assessore provinciale Alessandro Savi – e in tutt’Italia è presente con circa 180 sedi. A Macerata opera dal ’67 (il prossimo anno festeggerà i 40 anni di attività; ndr) cercando di dare risposte concrete al bisogno di integrazione sociale di molti giovani disabili. Oggi gestisce un Centro Diurno in cui più di cinquanta ragazzi seguono percorsi educativi e riabilitativi finalizzati al potenziamento delle loro autonomie e delle responsabilità personali e sociali. Inoltre, può vantare un Centro ambulatoriale dove più di 400 pazienti si sottopongono a sedute di fisioterapia, psicomotricità, logopedia e visite specialistiche. La ristrutturazione degli ambienti permetterà all’associazione di avere maggiori e più adeguati spazi per svolgere ancor meglio tutte queste importanti attività”.






Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 24 novembre 2006 - 1231 letture

In questo articolo si parla di macerata, provincia di macerata