Macerata: Pistelli a Roma per un seminario internazionale sui diritti umani

2' di lettura 30/11/-0001 -
In Europa, secondo una stima dell’Organizzazione internazionale del lavoro, sono quasi due milioni e mezzo le persone vittime della “tratta di esseri umani”, in prevalenza donne e bambini.

dalla Provincia di Macerata
www.provincia.mc.it


Un fenomeno che sta assumendo dimensioni davvero allarmanti e che, nel 43% dei casi, riguarda lo sfruttamento sessuale. Del preoccupante problema si è parlato a Roma in un seminario internazionale organizzato dal Consiglio d’Europa al quale ha partecipato la vice presidente della Commissione provinciale per le Pari opportunità, Lucia Pistelli.

Erano stati invitati a intervenire i rappresentanti delle istituzioni, degli organismi di Parità, delle associazioni e degli enti preposti all’attuazione dei progetti di protezione e reinserimento delle vittime della “tratta”. Oltre ai rappresentanti italiani, con a capo il ministro per i Diritti e le Pari opportunità, Barbara Pollastrini, erano presenti quelli di Spagna, Portogallo, Svizzera, Albania, Malta, Grecia e Turchia.

“Il seminario è stato un’occasione di dialogo e di scambio di esperienze e proposte sui temi in discussione – spiega Lucia Pistelli – con l’obiettivo di prevenire la tratta, tutelare i diritti umani delle vittime e perseguire i trafficanti. La tratta degli esseri umani costituisce infatti una violazione dei diritti della persona e un affronto alla dignità, all’integrità dell’essere umano e può ridurre le sue vittime in stato di schiavitù. Il territorio della provincia di Macerata, purtroppo, non è immune al fenomeno e quindi occorre affrontare il problema con la giusta consapevolezza”.

L’iniziativa svoltasi a Roma rientrava nell’ambito della Campagna europea di informazione sulla tratta degli esseri umani che il Consiglio d’Europa sta realizzando per sensibilizzare l’opinione pubblica e stimolare il dialogo fra Governi, autorità locali, organizzazioni non governative e società civile.

Nel 2005 a Varsavia è stata firmata la Convenzione del Consiglio d’Europa sulla lotta contro il traffico di persone e l’Italia è uno dei 30 Paesi che l’hanno firmata. “E’ il più importante strumento giuridicamente vincolante – sottolinea Lucia Pistelli – che permette di agire in maniera incisiva e coordinata rispetto alle raccomandazioni finora prodotte dallo stesso Consiglio d’Europa”.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 28 ottobre 2006 - 1164 letture

In questo articolo si parla di macerata





logoEV