Ancona: nuovi spazi per le scuole della città

4' di lettura 30/11/-0001 -
Sarà pronta per l’estate e aperta alle scolaresche all’inizio del prossimo anno scolastico la scuola Elia di via Sebenico: un edificio di circa 3.200 metri quadrati capace di ospitare tre sezioni di scuola materna e due cicli di scuola elementare.

dal Comune di Ancona
www.comune.ancona.it


Con questa nuova scuola, attigua alle medie Podesti e sovrastante la scuola dell’infanzia Regina Margherita, verrà a crearsi nel quartiere una vera e propria “cittadella scolastica” all’interno della quale non sono esclusi, per il futuro, i collegamenti e la condivisione di spazi tra i vari istituti. Nei giorni scorsi hanno visitato il cantiere gli assessori ai lavori pubblici Sandro Simonetti e alla Pubblica istruzione Stefania Ragnetti insieme con i tecnici del Comune che stanno seguendo i lavori.

Il programma di manutenzione e di realizzazione di nuove strutture scolastiche ha preso il via nell’estate del 2005 e ha impegnato somme per quasi 11 milioni di euro, dei quali quasi otto sono serviti per la demolizione e ricostruzione della scuola Elia, per la ristrutturazione dei locali della scuola Gramsci di via Brodolini con successiva realizzazione di un centro cottura, oggi a regime con un attivo di circa 1.200 pasti al giorno, e per la ristrutturazione e l'ampliamento della scuola materna ed elementare Collodi del Pinocchio, dove sono stati realizzati nuovi spazi per circa 1.000 metri quadrati, operativi da settembre: nuove aule con relativi servizi, palestra, centro computer e sala riunioni docenti (in via di ultimazione) che potrà ospitare anche eventuali incontri extra-scolastici.

Anche questi ultimi due plessi (le Gramsci e le Collodi) sono stati oggetto del sopralluogo degli amministratori e dei tecnici del Comune, che hanno preso atto, inoltre, dei lavori di messa a norma e di superamento delle barriere architettoniche alla scuola media Leopardi (dove si stanno ultimando i lavori per la realizzazione di un ascensore) e alla scuola dell’infanzia Verne di Via Tiziano, in cui è ormai conclusa la ristrutturazione e la messa a norma dell’edificio, con la realizzazione di una scala nella parte antistante. Il tema dell’edilizia scolastica è stato affrontato anche nel corso dell’ultima, consueta, conferenza dei dirigenti scolastici, organizzata dall’assessorato alla Pubblica istruzione.

Dall’incontro sono emerse alcune istanze, che, come afferma l’assessore ai Lavori pubblici, “saranno tenute in considerazione dall’Amministrazione Comunale”. “In particolare - spiega Simonetti - è stata espressa la necessità di “stabilire piani di evacuazione unici, che coordinino le varie attività e la varie realtà operanti nei plessi scolastici (alunni e corpo docente, mensa, società sportive…)”. Per quanto riguarda la gestione delle emergenze, è stata presa in considerazione la richiesta di creare un collegamento stabile tra Protezione civile del Comune e Istituti comprensivi, che permetta interventi efficaci e tempestivi in caso di necessità. E’ stata inoltre presentata dai dirigenti la necessità di definire gli spazi all’interno degli edifici, in modo da tenere distinte le diverse attività, scolastiche ed extra scolastiche per garantire la sicurezza delle uscite e degli accessi.

“La delegazione dell’Amministrazione Comunale – conclude il vicesindaco - ha inoltre preso in considerazione la richiesta di realizzare un ascensore alle scuole Don Milani per il superamento delle barriere architettoniche, ha valutato il progetto, in corso di redazione, riguardante le scuole Conero”.

Dalla conferenza sono emerse novità anche riguardo ad alcuni progetti dell’assessorato alla Pubblica istruzione: “Per rispondere alle esigenze di una fetta sempre più consistente della popolazione, costituita dai cittadini immigrati (a scuola sono il 10 per cento degli iscritti), abbiamo potenziato il progetto di accoglienza Agorà” spiega l’assessore competente Stefania Ragnetti. In questo senso è previsto un maggiore coordinamento con le Circoscrizioni per l’assistenza alle famiglie dopo la scuola (compiti, corsi di lingua…) e anche un sostegno attraverso la presenza del mediatore culturale che ora è prevista anche nell’orario extra scolastico.

Novità anche per il progetto “Agio-disagio”, ora esteso alla scuola dell’infanzia. E’ stata data, infine, la disponibilità dell’Amministrazione per collaborare all’organizzazione di un convegno nazionale sulla scuola montessoriana dedicato ad Augusto Scocchera.

Nella foto della palestra delle Collodi.






Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 24 ottobre 2006 - 1568 letture

In questo articolo si parla di ancona





logoEV
logoEV