counter

Macerata, Caldarola: la Giunta provinciale incontra la giunta comunale

2' di lettura 30/11/-0001 -
La mostra “Simone De Magistris, un pittore visionario tra Lotto e El Grego”, su cui sta lavorando da tempo il Comune; il lago di Caccamo come centro nazionale di addestramento al canottaggio; l’avvio del servizio di “118 sociale”; il nuovo Piano regolatore comunale; il potenziamento degli impianti sportivi; la viabilità locale con l’idea di una circonvallazione e il problema della strada Collarsone; i servizi sociali, gli edifici scolastici.

dalla Provincia di Macerata
www.provincia.mc.it


Sono stati questi i principali argomenti affrontati dalla Giunta comunale di Caldarola e dalla Giunta provinciale di Macerata nell’incontro istituzionale che hanno avuto nella sede municipale caldarolese.

Particolare convergenza fra le due Amministrazioni sul tema del turismo e degli impianti sportivi. Il sindaco Fabio Lambertucci ha sottolineato l’importanza della mostra sul De Magistris proprio per il rilancio dell’immagine di Caldarola e ha chiesto sostegno alla Provincia. “Stiamo investendo molto su questo appuntamento culturale – ha spiegato il sindaco – perché sulla sua riuscita, e sulla concomitante riapertura del castello Pallotta (chiuso dal 2001 per lavori di ripristino post terremoto), si gioca il futuro turistico del nostro paese”.

La Provincia non farà mancare il suo apporto all’iniziativa, hanno ribadito il presidente Giulio Silenzi e l’assessore ai Beni culturali, Donato Caporalini, ricordando anche l’impegno finanziario già assunto. “La Provincia crede nella mostra – ha detto Silenzi – sia per la sua valenza artistica, sia per la positiva ricaduta d’immagine che Caldarola e l’intero territorio maceratese potranno ottenere grazie all’evento. E’ importante però legare insieme questa e le altre iniziative di rilievo per creare una rete, per fare sistema, pubblico e privato insieme, e per puntare sulle eccellenze della nostra provincia”.

Interessante, secondo Caporalini, anche il discorso del turismo sportivo legato al lago di Caccamo: “La struttura può diventare una ‘Coverciano’ della canoa”, ha detto l’assessore apprezzando l’impegno finora profuso da associazioni ed enti che si affacciano sul bacino.

E poi l’idea del presidente Silenzi espressa durante la riunione di creare un “Fondo” provinciale riservato solo ai piccoli Comuni che chiedono contributi per migliorare, completare o potenziare i loro impianti sportivi. “Tale fondo, ricavabile anche dall’avanzo di amministrazione – ha spiegato Silenzi –, può servire a risolvere tante piccole ma importanti situazioni di disagio per atleti e società sportive locali”.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 19 luglio 2006 - 1258 letture

In questo articolo si parla di macerata





logoEV
logoEV