counter

Senigallia: la prima alba della Rotonda

2' di lettura 30/11/-0001 -
Spettacolo grandioso per l’inaugurazione della ritrovata Rotonda a mare. Un pubblico paragonabile solamente a quello dei festeggiamenti della finale mondiale ha gremito sabato sera la piazza della Libertà e ha seguito col naso all’insù una performance visiva e musicale di eccezionale livello.

di Fabrizio Chiappetti
direttore@viveresenigallia.it




Che fosse uno spettacolo fuori dagli schemi abituali lo si poteva capire dalla disposizione mobile e circolare delle strutture e degli artisti, mentre il palchetto sistemato a ridosso del pontile restaurato ha avuto un ruolo marginale. In altre parole si è trattato di uno spettacolo di piazza concepito per essere tale, ovvero per fare della piazza e del suo pubblico un tutto unico con la rappresentazione.

Ecco allora accendersi un maxi-schermo con immagini tratte da pellicole d’epoca e frammenti in bianco e nero che tanto ricordano le atmosfere create da Ghezzi in “fuori orario”. L’amplificazione diffonde melodie risuscitate dai solchi dei grammofoni, e contemporaneamente irrompono passato e futuro: scorrono i carri con personaggi vestiti anni ’30, coppie avvinte nel tango e insieme enormi sfere di nylon con all’interno ballerine capaci di sofisticati movimenti.

Ma il momento più acrobatico è stato raggiunto con la danza di tre enormi sfere dipinte, simili a mongolfiere, ognuna delle quali portava una ragazza libera di volteggiare nell’aria come se si trattasse di un dipinto animato.

Come se le figure sognanti di un quadro di Botticelli potessero finalmente librarsi e sprigionare la magia del movimento racchiusa nel segno e nel colore. Questo è accaduto in una sera di mezza estate, un sogno materializzato. La Rotonda bianca e scintillante di luci, illuminata dai fuochi d’artificio, è apparsa davvero a tutti come la fenice risorta dalle proprie ceneri, tornata per incantare la vista ed esaltare la fantasia. Bentornata.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 17 luglio 2006 - 1318 letture

In questo articolo si parla di fabrizio chiappetti, senigallia





logoEV
logoEV