counter
SEI IN > VIVERE MARCHE >

Pesaro: semplicemente Kim Ki-Duk

1' di lettura
1561

Dopo Terrence Malick la Mostra del Nuovo Cinema di Pesaro rende omaggio a una latro grande regista del panorama cinematografico contemporaneo: Kim Ki-duk.

da Fondazione Pesaro Nuovo Cinema
www.pesarofilmfest.it

A lui è dedicato il volume intitolato semplicemente con il suo nome - Kim Ki-duk - scritto dal giovane autore Davide Morello ed edito dalla Libreria Editrice Cafoscarina.

Il libro è un viaggio attraverso il percorso di analisi contenuti e forme dell’opera del regista coreano: la violenza, l’istinto di morte, l’erotismo, la figura femminile e il tema del doppio.

Poco amato in patria, osannato dalla critica europea, Kim Ki-duk ha debuttato come regista nel 1996 con The Crocodile e da allora i suoi film sono stati selezionati e premiati nei festival cinematografici di tutto il mondo tra cui Berlino, Montreal, Cannes e Venezia. Tra i suoi titoli più noti in Italia Seom - L’isola, Ferro 3, La samaritana e Primavera estate autunno inverno… e ancora primavera.

L’autore sostiene : “In questo momento vedo la carriera di Kim Ki-duk ad un bivio, diviso tra involuzione ed evoluzione. O peggiora o trova altre strade, personalmente lo vedo in difficoltà. Il mio libro compie una ricognizione sul suo lavoro, ma fra qualche anno sarà necessario scriverne un altro per capire a che punto è arrivato. Di certo di lui rimarrà la sua poetica, quella del silenzio, e di come l’ha approfondita”.



Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 30 giugno 2006 - 1561 letture