counter
SEI IN > VIVERE MARCHE >

Una produzione di civitanova vince Danza & Danza

3' di lettura
1401

Civitanova Marche – Il prestigioso premio “Danza & Danza” 2006 – sorta di oscar della danza italiana – è andato ad una produzione targata Civitanova Danza.

La giuria composta da illustri critici ha individuato come “migliore produzione italiana contemporaneaI rimasti coreografia ideata dalla giovane artista Simona Bucci vincitrice, lo scorso aprile, della prima edizione del prestigioso concorso internazionale “Coreografo d’Europa”, nato sotto il patrocinio di numerose istituzioni europee ed italiane tra cui Civitanova Danza e Amat, con l’intento di promuovere l'inserimento di nuovi coreografi e compagnie di danza nel mondo del professionismo.

Grazie al premio di 25.000 euro assegnato a Simona Bucci dal concorso “Coreografo d’Europa” il primo studio del lavoro, Il natale dei rimasti, ha potuto essere sviluppato e trovare la forma compiuta di spettacolo con il titolo I rimasti nella “città marchigiana della danza” che ha messo a disposizione la residenza offerta dalla Foresteria “Imperatrice Eugenia” e dal Teatro Annibal Caro dove ha debuttato in prima italiana lo scorso novembre nell’ambito della rassegna “Civitanova Danza tutto l’anno.

Così si legge nelle motivazioni che accompagnato il premio: “I rimasti è un lavoro in cui tutti gli elementi risultano dosati con maestria: coreografia, drammaturgia, scenografia (di Bucci), interpreti (Luca Campanella, Roberto Lori, Carlomauro Maggiore, Paolo Mereu, Milo Scarcella), luci (Valerio Alfieri) e musica (originale di Paki Zennaro) partecipano all’ideazione di un tutto pregnante e lirico. Ispirato a un quadro del pittore divisionista Angelo Morbelli, I rimasti, porta in scena cinque solitudini ritratte il giorno di Natale al ricovero Pio Trivulzio. La solitudine, la disperazione, il lato cupo dell’esistenza trasferiti nei gesti danzati di cinque uomini abbandonati sono la forza di questo lavoro che abbiamo scelto di premiare.”

Nata a Bergamo ma fiorentina d’adozione, Simona Bucci si è formata a New York dove ha studiato con Alwin Nikolais, uno dei grandi maestri del Novecento. A lungo danzatrice e assistente del coreografo americano, è l’unica artista italiana ad avere dalla Nikolais-Louis Foundation la certificazione per tenere corsi di formazione per insegnanti in tecnica Nikolais. Nel 2000 Carolyn Carlson, altra celebre allieva di Nikolais, l’ha chiamata a Venezia come assistente e coordinatrice dell’Accademia “Isola Danza” della Biennale di Venezia. Da allora la Bucci ha sempre lavorato al fianco della Carlson in Europa e negli Stati Uniti.

Tra gli interpreti due danzatori legati alla nostra regione, Roberto Lori e Milo Scarcella. Roberto Lori è nato a Matelica ed ha iniziato i suoi studi di danza nella città natale. Ha perfezionato la sua tecnica di danzatore contemporaneo in alcune scuole di Pesaro, Urbino e Urbania. In seguito si trasferisce a Roma ed entra a far parte del Balletto di Renato Greco, dove rimane per tre anni. Da diverso tempo collabora come danzatore con Monica Casadei della Compagnia Artemis. Alterna la sua attività di danzatore a quella di insegnante di danza contemporanea e modern jazz e coreografo per molti Centri di danza nelle Marche (Senigallia, Macerata, Pedaso, Osimo ed Ancona).
Milo Scarcella è invece un bergamasco legato alle Marche da una storia davvero singolare. Dopo aver studiato danza a Bergamo, Roma e Firenze e aver collaborato con molti importanti coreografi italiani e francesi decide di cambiare, per un periodo della sua vita, radicalmenete rotta. Nel ’94 si trasferisce infatti ad Ancona e sceglie di imbarcarsi su un motopeschereccio come pescatore, professione che svolgerà per cinque anni. Dal ’99 al 2001 coreografa due assoli, Murdock e Oltreoceano e un duetto Magma.


Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 26 maggio 2006 - 1401 letture