counter
SEI IN > VIVERE MARCHE >

Il Modello-Marche per la pesca in Venezuela

3' di lettura
1270

Il Venezuela ha avviato una serie di contatti con la Regione Marche per sviluppare il settore ittico. Da quando nel paese caraibico è stata avviata una massiccia azione di modernizzazione dell’economia, le conoscenze, la progettualità, la formazione e la tecnologia marchigiana sono state prese a modello per rilanciare il comparto della pesca.

dalla Regione Marche
www.regione.marche.it

In occasione della sessantaseiesima Fiera Internazionale della Pesca (26/28 maggio), è giunta in Ancona una delegazione dell’Inapesca, l’istituto di Stato per la pesca del Venezuela, guidata dall’ambasciatore in Italia, Rodrigo Chavez: occasione in cui verranno definiti i dettagli del progetto pesca e un calendario di incontri con le istituzioni e le imprese regionali del comparto coordinati dall’Assessore all’Agricoltura della Regione Marche, Paolo Petrini.

Dopo il buon esito della recente missione tecnica a Caracas guidata dalla Regione Marche - a cui hanno preso parte il responsabile del servizio pesca, Uriano Meconi, Tonino Giardini di Federpesca Marche, Giorgio Baldantoni dell’Aspin 2000 della Camera di Commercio di Pesaro e Stefano Angelici della Italyworld e altri operatori d’impresa – i rapporti di reciproco scambio tra le Marche e il Venezuela proseguono.

Quello per la Fiera di Ancona è il secondo appuntamento nelle Marche dopo la visita a marzo del Comandante Farinos del Foncrei e il suo staff in cui si era improntata la possibilità di collaborazione in seguito riconfermata dal consigliere economico dell’ambasciata del Venezuela in Italia, Marila Mancini.

Il Venezuela è il secondo produttore al mondo di petrolio, possiede enormi ricchezze ma ha la necessità di sviluppare e modernizzare settori economici strategici, come la pesca che è in forte crescita: negli ultimi 30 anni le catture si sono quintuplicate e nell’ultimo anno hanno raggiunto le 516 tonnellate. Rilanciare il settore rappresenta un passo avanti anche per abbattere le disuguaglianze sociali ed economiche molto accentuate soprattutto nei grandi centri urbani.

La professionalità e l’ottima organizzazione del settore ittico nella regione Marche è stata riconosciuta dai rappresentanti venezuelani di Inapesca, che desiderano trasferire nel loro Paese la progettualità marchigiana negli aspetti organizzativi e gestionali con specifico riferimento ai sistemi della cooperazione ed organizzazione di impresa.

Dopo le visite alle aziende di trasformazione di prodotti ittici, alle strutture di conservazione e commercializzazione del pescato, alle aggregazioni di pescatori artigianali, ai porti pescherecci e alle cooperative operanti nella pesca artigianale, i rappresentanti della direzione pesca del Governo del Venezuela hanno richiesto alla Regione Marche di avere collaborazione per sviluppare l’organizzazione della cooperazione e la produzione di servizi della pesca, il sistema di tracciabilità, il controllo sanitario sui prodotti ittici e l’organizzazione dell’impresa di pesca. Particolare interesse è stato mostrato per il sistema gestionale dei molluschi bivalvi, l’organizzazione dei distretti di pesca e la tecnologia applicata.


Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 26 maggio 2006 - 1270 letture