counter
SEI IN > VIVERE MARCHE >

Fabriano: al Gentile in prima assoluta Quanto tempo in una notte

3' di lettura
1246

Venerdì 26 maggio, alle ore 21,15 al Teatro Gentile di Fabriano, debutto, in prima assoluta, del nuovo spettacolo messo a punto dall’associazione culturale Talìa dal titolo “Quanto tempo in una notte” scritto e diretto dal giovane regista Walter Nanni.

Liberamente ispirato ad un racconto della tradizione letteraria araba, “Quanto tempo in una notte” e’ un thriller psicologico e tragicomico sulla voglia di vivere e di cambiare. Anche quando sembra impossibile. Fa da sfondo a questa storia, la provincia italiana, con le sue malelingue, i suoi fantasmi, le sue paure e i suoi piccoli e grandi sogni presi in prestito dalla Tv. Ma con una forza straordinaria.

Tredici gli attori in scena, con le scenografie di Fabrizio Ciccarelli e le musiche originali del compositore Enrico Melozzi. Particolare sarà l’utilizzazione dello spazio scenico, con un secondo e piccolo palco montato nella “buca” dell’orchestra e con il palcoscenico praticamente “spoglio” delle tradizionali quinte e del fondale.

“E’ uno spettacolo teatrale” sono parole del regista Nanni, che ha presentato il lavoro insieme alla presidente del sodalizio Talia, Paola Martini “moderno, divertente, breve, popolare e con dei contenuti sociali, credo, molto forti. Personalmente – soggiunge - trovo insopportabile il teatro degli sbadigli e abbonamenti! Ho sempre immaginato il “luogo” teatro come una “piazza” dove la gente si ritrova per ascoltare storie, possibilmente divertenti che possano solleticare l’anima e la fantasia e che spingano in qualche modo ad una gioiosa, quanto inconscia, riflessione sulla vita che viviamo in questo tempo”.

Un passo indietro per dire che Walter Nanni è attore, regista, giornalista, ideatore e conduttore di molti programmi Tv, per altro vincitore del festival nazionale della comicità “Le Cabaret” di Alba Adriatica nel 2002. Tra gli altri spettacoli teatrali comici che portano la sua firma: “Gli imbecilli! O meglio, perche’ ci sono tanti imbecilli in giro?” del 2003 e del 2005 “Vorrei cambiare il mondo ma ho perso lo scontrino!”. Ha curato anche la regia degli ultimi due spettacoli comici di Cinzia Leone: “Da quando uso il cervello” anno 2004 e “Poche idee ma molto confuse” datato 2005. Recentemente ha scritto e diretto il cortometraggio “Una sana litigata”.

Con Nanni, come detto, ha preso parte all’incontro di presentazione, la presidente dell’Associazione Culturale Talìa, Paola Martini. “Il nostro sodalizio, torna anche quest’anno al Gentile con questo nuovo spettacolo, dopo che nel 2005 siamo riusciti a portare in scena, sempre nella prestigiosa ribalta del nostro Teatro, lo spettacolo “Seguendo il Bianconiglio”, oltre ad aver dato vita alla Rassegna teatrale “Teatro per Tutti” nell’ambito della manifestazione Fabriano Estate”.

Questi, i due appuntamenti più importanti, ma nel portfolio di questo Gruppo ci sono anche, ha ricordato ancora la Martini “tanti piccoli interventi nel territorio con un duplice e costante obiettivo: il rispetto della componente e della tradizione teatrale unito a quello della solidarietà, tanto che oggi siamo nel novero delle Associazioni che collaborano al progetto: La rete del sollievo.

L’entusiasmo – conclude la presidente - è la peculiarità che caratterizza e unisce i soci della Talìa. E’ l’elemento coagulante che ci consente di concretizzare le iniziative, insieme all’aiuto e alla sensibilità di tanti privati ai quali rivolgiamo il nostro sentito ringraziamento”.


Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 25 maggio 2006 - 1246 letture