counter
SEI IN > VIVERE MARCHE >

Premiate le Marche per l'Agricoltura Biologica

1' di lettura
1265

Le Marche sono tra le prime regioni classificate per l’agricoltura biologica. Mercoledì scorso, a Roma, l’associazione italiana Agricoltura Biologica ha infatti illustrato la ricerca “BioRegione 2006” che delinea lo stato dell’agricoltura di tipo biologico e la Regione Marche risulta classificata tra le prime tre d’Italia.

La ricerca ha valutato, in base a parametri quantitativi e qualitativi, le azioni e le politiche regionali messe in atto dalle regioni per promuovere lo sviluppo dell’agricoltura biologica e della sana alimentazione sul territorio.
“Un riconoscimento – commenta l’assessore regionale all’Agricoltura, Paolo Petrini - che testimonia l’impegno costante delle Marche verso un ambiente diversificato e curato: già negli anni ’80 sono state realizzate le prime esperienze di coltivazione biologica alle quali ha fatto seguito la prima legge quadro dell’agricoltura biologica (n.57 del 1990).

Poi, gli incentivi del Piano di Sviluppo Rurale e la promozione delle mense biologiche nelle scuole e ospedali, hanno permesso alla conduzione di tipo biologico di raggiungere il 12 per cento della Sau regionale. Attualmente, per favorire la crescita dell’agricoltura biologica sono in fase di finanziamento otto progetti di ricerca sulla base di esperienze positive realizzate nelle produzioni regionali di cereali, vino e zootecnia”.

La sensibilizzazione verso il settore sta crescendo anche grazie a varie esperienze, dai Gruppi di Acquisto Solidale (Gas), seguiti e incentivati dalle amministrazioni pubbliche, all’avvio di un distretto di Economia Solidale, nel quale il settore produttivo biologico è diventato l’asse portante, e la realizzazione di progetti di filiera corta.


Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 20 maggio 2006 - 1265 letture