counter
SEI IN > VIVERE MARCHE >

Carta geologica: accordo con il Cnr per i rilievi del fondo marino

2' di lettura
2216

La Giunta regionale ha approvato lo schema di accordo di programma con la sezione di Bologna dell’Istituto di Scienze del Mare del CNR (ISMAR-BO) per l’esecuzione di rilievi geologici del fondo marino marchigiano in vista della stesura della Carta geologica delle aree marine.

dalla Regione Marche
www.regione.marche.it

L’estensione del progetto di cartografia geologica anche alla parte a mare, prevista da due specifiche convenzioni che la Regione ha sottoscritto nel 2004 con l’Agenzia Protezione per l’Ambiente e Servizi Tecnici (APAT), consentirà di acquisire maggiori informazioni sull’ambiente marino e costiero, utili per comprendere i complessi fenomeni che caratterizzano le aree costiere emerse e sommerse e costituiranno un fondamentale supporto conoscitivo per le attività programmatorie e di governo del territorio della Regione Marche.

L’ISMAR-BO ha da anni condotto, attraverso numerose campagne oceanografiche, ricerche nel settore della geologia marina e in particolare nel mare Adriatico e possiede un’adeguata conoscenza delle caratteristiche geologiche, sedimentologiche e ambientali utili per eseguire le ulteriori indagini di dettaglio e per ottimizzare le risorse disponibili.

Per gli interventi previsti dall’accordo di programma, comprendenti l’esecuzione delle indagini di laboratorio, lo stoccaggio e la conservazione dei campioni prelevati in apposito locale refrigerato e lo svolgimento delle trasferte del proprio personale nella fase di esecuzione dei sondaggi in mare, la Regione Marche erogherà una somma complessiva di 70 mila euro.

Con la firma dell’accordo di programma sarà possibile attivare una sinergia collaborativa tra Regione Marche e l’Istituto di Scienze del Mare del CNR di Bologna, consistente fondamentalmente nel reciproco scambio di informazioni relative ai rilievi geomarini, nella possibilità di costruire un’occasione di crescita e reciproco scambio dell’esperienza tecnico-scientifica del personale dei due enti, nell’utilizzo del laboratorio dell’Istituto per le analisi sui campioni prelevati, nella mutua collaborazione alle successive fasi di informatizzazione dei dati relativi alla cartografia geologica che sarà realizzata successivamente alla campagna oceanografica di rilievo.


Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 17 maggio 2006 - 2216 letture