counter
SEI IN > VIVERE MARCHE >

Maxi sequestro di carne destinata ai ristoranti della provincia di Ancona

1' di lettura
1307

Contraffacevano le etichette di scadenza delle carni, pronte per essere consumate (scadute) in alcuni noti ristoranti di Ancona, Fabriano, Jesi e Senigallia.

Un ingente quantitativo di carne scaduta, ben sei mila chili, etichettata con scadenze contraffatte sono rinvenute e sequestrate dal Corpo Forestale dello Stato in un deposito di Fabriano.

La partita di carne è stata scoperta all'interno delle celle frigorifere della Natural Beef Srl, azienda specializzata nella commercializzazione di carne uruguaina che si trova a Fabriano, in via delle Fornaci.

Per riuscire a contraffare le etichette con la scadenza delle carni, l'azieda si avvaleva della collaborazione di una tipografia della città che stamapava per lei cartellini falsificati.

Svariati chili di carne sono stati ritirati appena in tempo da alcuni ristoranti che l'avevano appena acquistata per "buona". Sulla vicenda la magistratura ha aperto un'inchiesta a carico della srl con quattro denunce emesse per tutti i soci, accusati di frode in commercio.

Nessu reato invece è stato al momento contestato ai ristoratori che avrebbero acquistato la carne in assoluta buona fede, confidando nella veridicità delle etichette.


Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 10 maggio 2006 - 1307 letture