counter
SEI IN > VIVERE MARCHE >

Saltara: promozione e valorizzazione dei prodotti tipici marchigiani

3' di lettura
2458

Il 10 maggio, a Saltara, si svolgerà un workshop per la promozione e la valorizzazione dei prodotti tipici marchigiani organizzato dal Consorzio turistico di Altamarca.

da Giancarlo Rossi

Consorzio turistico Altamarca

Mercoledì 10 Maggio 2006 Saltara (PU)

“Adriano al Balì”

Promozione e valorizzazione dei prodotti tipici marchigiani

Workshop

Valorizzazione territoriale e tradizioni gastronomiche: riflessioni e prospettive per una qualità dell’offerta per produttori, esercenti ed operatori turistici

Interventi di:

Oretta Zanini De Vita, storica della gastronomia e studiosa delle tradizioni rurali, collabora con diverse riviste ed in particolare il mensile “Cucina e vini”; docente in diversi corsi specialistici di cucina tradizionale, ha all’attivo diverse pubblicazioni, tra cui l’Atlante dei prodotti tipici sulla pasta; è un collaboratore dell’Istituto Nazionale di Sociologia Rurale.

Patrizia Ciotti, esperta di comunicazione e pubbliche relazioni, ha lavorato nel marketing di compagnie aeree ed alberghiere internazionali. Come giornalista ha collaborato con testate del settore turismo. Dal 2002 è responsabile per la comunicazione del Consorzio BAICR Sistema Cultura, promotore del progetto www.culturagastronomica.it

Tommaso Lucchetti insegnante e storico dell’arte e della cultura gastronomica, collabora per riviste specialistiche ed è autore di monografie e contributi sul tema; è esperto nella redazione di progetti di valorizzazione museale e nella programmazione di iniziative di carattere storico-culturale sui temi dell’antica convivialità e della cucina tradizionale

Programma :

Ore 8:45 Registrazione partecipanti
Ore 9:00 Inizio interventi
Ore 10,30 Pausa caffé
Ore 10,45 Ripresa lavori
Ore 11,45 Spazio riservato alle domande e approfondimenti
Ore 12,30 Conclusioni
Ore 13 Fine lavori / degustazione

Per informazioni Altamarca Turismo 339 45 20 969

L’incontro organizzato ha l’obiettivo di proporre un confronto con due professioniste che hanno indagato, in diverse realtà territoriali, tipologie e metodologie di offerta nell’accoglienza e ricezione turistica mirate alla valorizzazione e alla promozione delle tradizioni enogastronomiche e delle produzioni tipiche. Oretta Zanini De Vita è una storica della gastronomia e studiosa delle tradizioni rurali, collabora con diverse riviste ed in particolare il mensile “Cucina e vini” ed è un collaboratore dell’Istituto Nazionale di Sociologia Rurale (per cui ha redatto l’Atlante dei prodotti Tipici dedicato alla pasta); Patrizia Ciotti, esperta di comunicazione e pubbliche relazioni, lavora per il Consorzio BAICR, coordinando – tra l’altro – la redazione del sito www.culturagastronomica.it . Entrambe fanno riferimento ad un progetto di ricerca, curato dal BAICR in collaborazione con la Regione Lazio e l’Università degli Studi della Tuscia di Viterbo, dal titolo “Identità e tradizione gastronomica nel Lazio: le ricette, le testimonianze e il mondo degli agriturismo”. Il loro lavoro, pubblicato per i “Quaderni di informazione Socioeconomica”, costituisce un’indagine sulla situazione generale laziale del mercato delle tipicità e sulla valorizzazione delle tradizioni enogastronomiche da parte della realtà degli agriturismo e di altre realtà ricettive. La loro esperienza potrà essere pertanto spunto per un raffronto sulla condizione specifica marchigiana e del territorio provinciale pesarese. Le loro riflessioni e considerazioni sulle strategie di comunicazione promozionale, e sulla necessità di proposte rispondenti ad una ricerca storica rigorosa sul territorio e le tradizioni, potranno fornire suggerimenti e spunti di confronto sulla situazione locale attuale. Per chi lavora in strutture di accoglienza e promozione turistica sarà un’occasione preziosa per cogliere spunti operativi, metodologie e proposte su come strutturare una sapiente e suggestiva valorizzazione dell’unicità di un territorio, con la consapevolezza della contiguità tra i saperi antichi dell’enogastronomia e della convivialità con le altre espressioni e testimonianze dell’antico patrimonio culturale locale. Introduzione e chiusura lavori a cura di Tommaso Lucchetti storico della gastronomia, esperto in programmazione di iniziative di carattere storico-culturale, solleciterà il confronto e le riflessione sui temi trattati.


Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 09 maggio 2006 - 2458 letture