counter
SEI IN > VIVERE MARCHE >

Acquaviva Picena: l'Adriatico un Ponte d'Acqua per l'Archeologia

1' di lettura
1244

Sabato 27 maggio 2006, ad Acquaviva Picena, presso la Rocca e Palazzo Celso Ulpiani si svolgerà la Giornata inaugurale della sede del Centro Studi per l’Archeologia dell’Adriatico.

dal Comune di Acquaviva Picena

Scarica il programma (formato pdf)

La percezione che fin dalla Preistoria i popoli che si affacciavano sul mar Adriatico ebbero della sua acquorea consistenza non fu di una barriera bensì di un invito all’attraversamento e al contatto con gli abitanti della sponda opposta. Per questo motivo, pur divisi da uno stretto braccio di mare, si è “parlata” per secoli la stessa cultura.

È proprio alla promozione della conoscenza e dei rapporti, culturali, commerciali e militari tra le due sponde adriatiche, italiana e balcanica, che nasce la Sede di Acquaviva Picena del Centro Studi per l’Archeologia dell’Adriatico, con il fine di promuovere e facilitare le ricerche e gli studi connessi all’antichità del bacino adriatico, e in particolare delle aree del Piceno meridionale e della Croazia.

L’auspicio è che la valorizzazione del contatto e della reciproca conoscenza possa essere un veicolo di ulteriore avvicinamento, umano e culturale, tra due realtà geografiche per le quali, parafrasando il titolo di un celebre romanzo, possiamo dire che “in mezzo scorre il mare”.


Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 09 maggio 2006 - 1244 letture