counter
SEI IN > VIVERE MARCHE >

Carpegna: la carica delle 500 mountian-bike al Parco

2' di lettura
1182

Fine settimana dedicata al gran fondo ‘Il Carpegna mi basta’ in mountian-bike all’interno dell’area protetta del Sasso Simone e Simoncello.

dall'Ente Parco Sasso Simone e Simoncello

‘Il Carpegna mi basta’. E’ la storica frase che il grande Marco Pantani ripeteva dopo l’allenamento effettuato sul Monte Carpegna. La stessa frase è diventata oggi il titolo della gran fondo di mountain-bike in programma questo fine settimana all’interno del Parco Naturale del Sasso Simone e Simoncello.

Sono infatti circa 500 gli atleti provenienti da tutta Europa accorsi nel cuore del Montefeltro, per solcare i sentieri che si articolano all’interno dell’area protetta caratterizzata dalle due sporgenze rocciose a forma rettangolare: il Simone e Simoncello.

La due giorni vede in calendario una serie di gare di due ruote, dove gli atleti si contenderanno il podio nelle diverse categorie. Per l’occasione sono stati organizzati diversi pacchetti turistici da uno a più giorni da trascorrere all’interno del Parco.

Si è partiti con le escursioni guidate in mountain-bike – spiega Mauro Mazzarini, consigliere dell’Ente Parco Sasso Simone e Simoncello - fino alle gare dei prossimi giorni. In questi pacchetti comprese le gite al territorio, pranzi e cene, visite guidate e tutta l’assistenza tecnica che richiede questo tipo di gare. Un ottimo aiuto è giunto dalle strutture ricettive e dalle associazioni di categoria e dalle associazioni sportive locali che hanno preso in mano l’organizzazione dell’evento".

Nulla è stato lasciato al caso, pensando anche agli accompagnatori degli sportivi i quali hanno potuto usufruire di servizi extra, come visite guidate a piedi nel parco, degustazioni di prodotti tipici e animazione.

‘<>IIl Parco – afferma Mazzarini - punta sempre più al turismo ambientale attraverso eventi legati alle diverse attività e discipline sportive: dal trekkinga alla mountain-bike fino al cavallo. Il recupero e ripristino di ben 22 sentieri, supportati da guide e cartine che ne illustrano e informano il turista su come solcarli al meglio, ci consente di offrire ad un ipotetico turistica, amante dell’ambiente e quindi delle attività ad esso legate ed eco-compatibili, un soggiorno all’interno della nostra area protetta. Una risorsa economica che va a spalmarsi in quei periodi, come maggio, giugno, settembre e ottobre, dove la presenza turistica nel nostro territorio non è eccessiva".

Le gare, le escursioni guidate sia a piedi che in bici sono in programma per l’intero week-end, sia mattino che pomeriggio.

Infolinee: 0722.75350 o 0722.727065


Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 06 maggio 2006 - 1182 letture