counter
SEI IN > VIVERE MARCHE >

Incontro a Roma di Marcolini con Trenitalia: nulla di fatto per l’Eurostar

3' di lettura
1035

Soddisfazione dopo il preannunciato incontro a Roma fra la delegazione della Regione Marche guidata dall’Assessore ai trasporti Pietro Marcolini e i vertici delle Ferrovie dello Stato con il direttore generale Laguzzi, il responsabile delle relazioni esterne per FS Holding Di Trapani, oltre alle rispettive dirigenze di RFI, Trenitalia e Real Estate.

dalla Regione Marche
www.regione.marche.it
“La prima parte dell’incontro si è risolta con la buona notizia – ha detto Marcolini – di 64 assunzioni ottenute in totale, rispetto alla vertenza nazionale e locale messa in piedi con l’apporto dei sindacati e delle province”. Di questi, sono 25 i capitreno, 9 i macchinisti e 30 gli addetti alla manutenzione ordinaria e straordinaria che entrando in servizio garantiranno la copertura di parecchi disservizi verificatisi finora per carenza di personale.

Molti altri erano gli argomenti in discussione, come il materiale rotabile, i passaggi a livello, le infrastrutture, il ripristino dell’Eurostar per Roma delle 11.40 e l’utilizzo dell’immobile della stazione di Falconara oggi dismesso.

Durante il lungo incontro si è affrontata la questione dell’immissione in servizio di altri locomotori: pur se i tempi non pienamente rispettati, entro l’anno – è stato garantito dalla controparte – saranno rientrate tutte e 8 le locomotive “in prestito” al Piemonte mentre saranno in tutto sei i “464” (due fin dal prossimo giugno) e altri 4 i “piani rialzati” disponibili dal prossimo mese di settembre.

Per ciò che concerne i passaggi a livello, è stato confermato l’impegno per Macerata e Montecosaro: entro luglio ci sarà la Conferenza dei Servizi, a fine anno i progetti esecutivi e a cavallo dell’anno sarà possibile avviare i lavori. Confermata invece la soppressione del passaggio a livello di Senigallia mentre è sospesa ogni decisione per quello di Mondolfo in attesa di una soluzione concordata con il Comune.

Definiti i tempi per la galleria del Castellano, che sarà completata entro l’anno 2006 mentre per quella più complessa di Cattolica, una volta attivate le procedure, si prevede il completamento entro marzo 2009.

Alcune questioni sono state affrontate in parte, come la manutenzione e la pulizia delle stazioni ferroviarie da discutere però insieme a Comuni e Province caso per caso, mentre è rimasto sul tappeto il problema dell’utilizzo dell’immobile dismesso alla stazione ferroviaria di Falconara su cui le pretese della Real Estate rimangono irragionevoli.

Infine, il vero punto di sostanziale dissidio rimasto sul tappeto è la questione irrinunciabile del ripristino del collegamento Eurostar Ancona-Roma delle 11.40. La Regione sulla base della promessa esplicita di Trenitalia di poterlo riprendere già dal 21 aprile scorso, ha invece stigmatizzato come tale questione sia stata silenziosamente e immotivamente rimandata.

E’ appena iniziata poi la discussione per il cofinanziamento di due “minuetti elettrici” nei prossimi tre anni mentre sono stati previsti tavoli di approfondimento successivi fra Regione e Ferrovie per le questioni del trasferimento degli uffici del Consiglio regionale all’immobile (ex Fs) di piazza Cavour e il contestuale trasloco degli uffici in via Oberdan e via Gioia (ex sede del Consiglio regionale).

L’assessore Marcolini intende comunque riprendere subito la vertenza per queste ultime questioni ed è stata concordata in tal senso un'altra riunione di vertice entro metà maggio.

ARGOMENTI

EV

Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 28 aprile 2006 - 1035 letture