counter
SEI IN > VIVERE MARCHE >

Macerata: bandi della provincia per 381 mila euro

3' di lettura
910

Sono stati pubblicati dalla Provincia di Macerata i bandi per l’accesso ai fondi del “Programma d’azione per il re-impiego di lavoratori svantaggiati”. Sono tre e scadono tutti il 2 maggio.

dalla Provincia di Macerata
www.provincia.mc.it
Le risorse disponibili ammontano complessivamente a circa 381 mila euro. “Si tratta di strumenti - ha sottolineato il presidente Giulio Silenzi che oltre a contrastare temporaneamente attuali difficoltà del mercato del lavoro, offrono l’opportunità di migliorare la professionalità, aiutando così i lavoratori in mobilità a reinserirsi nel lavoro”.

Uno dei tre bandi, infatti, offre la possibilità di accedere a uno dei 124 assegni (chiamati voucher) per finalità formative – ciascuno di 1.000 euro – a disposizione di coloro che sono iscritti nelle liste di mobilità e non svolgono al momento alcuna attività lavorativa. I corsi di formazione, cui i lavoratori potranno partecipare, sono finalizzati alla loro riqualificazione professionale per facilitarne il reinserimento nelle aziende.

Un secondo bando prevede l’erogazione di 28 borse lavoro – ciascuna di 450 euro mensili, per un periodo di 8 mesi – a donne di età superiore ai 30 anni che desiderino rientrare nel mondo del lavoro dopo almeno due anni di inattività. Svolgeranno un lavoro, per 20 ore settimanali, presso una delle aziende del territorio provinciale individuate dai Centri per l’impiego. Avranno inoltre un buono formativo di 1.000 euro per corsi promossi dagli stessi Centri per l’impiego o da altre strutture di formazione.

Il terzo bando, invece, riguarda i disoccupati in generali – uomini e donne – che sono in mobilità non indennizzata, essendo fuoriusciti dai cicli produttivi di piccole aziende (meno di 15 dipendenti) alle prese con situazioni di crisi. Anche in questo caso sono previsti 28 sussidi di sostegno al reddito, ciascuno di 450 euro mensili, per un periodo di 8 mesi, e altrettanti buoni formativi di 1.000 euro “spendibili” in corsi di formazione organizzati dai “Cif” o da altre strutture.

Il progetto, denominato con l’acronimo “P.A.R.I.”, proseguirà per buona parte del 2007 coordinato a livello regionale da un “Tavolo di indirizzo” in cui sono presenti i rappresentanti istituzionali: le quattro Province, la Regione Marche, oltre a “Italia Lavoro spa”, l’agenzia che ha avviato il programma sull’intero territorio nazionale.

A livello provinciale un Gruppo operativo gestirà tutte le varie fasi del progetto che si svolgeranno nei Centri per l’impiego della Provincia (Macerata, Civitanova Marche e Tolentino), dove gli interessati troveranno anche assistenza per la compilazione delle domande. Inoltre, successivamente all’approvazione delle graduatorie, i Centri predisporranno per ogni beneficiario un “Piano d’azione” individuando il percorso migliore per raggiungere l’obiettivo fondamentale dei tre interventi, cioè l’incremento dell’occupazione ed il reimpiego dei lavoratori.

I bandi sono disponibili anche su internet all’indirizzo www.provincia.mc.it.

ARGOMENTI

EV

Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 06 aprile 2006 - 910 letture