Degno finale per il Trovatore ad Ancona, una delle opere più attese

1' di lettura 30/11/-0001 -
Pubblico entusiasta, applausi a scena aperta che hanno sottolineato l’esibizione dei cantanti, una Leonora (Sondra Radvanovsky) superlativa nel suo ruolo; e su tutto la musica di Verdi, eseguita dall’orchestra filarmonica marchigiana diretta da Patrick Fourniller con precisione e grande intensità.

di Fabrizio Chiappetti
direttore@viveresenigallia.it


Con questa produzione, nata dalla collaborazione con i teatri di Bologna e Oporto (Portogallo), Ancona ha avuto la conferma della propria crescita nella capacità di attrarre ed organizzare eventi di spessore artistico elevato, che nulla hanno da invidiare a quanto viene proposto in altri palcoscenici di grande tradizione.
Una nota di particolare merito va all’allestimento e ai costumi curati da Kevin Knight: suggestiva la scelta delle scenografie rigorose nell’esaltazione delle linee geometriche, eleganti nella resa finale grazie al sapiente dosaggio delle luci.
Insomma, uno spettacolo di tre ore e mezza letteralmente volate via con quella leggerezza che solo le storie, semplici e ben raccontate, sanno ancora regalare.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 28 febbraio 2006 - 1205 letture

In questo articolo si parla di





logoEV