...

Ci sono i medici. E poi, certo, ci sono gli infermieri. Angeli come Letizia, Martina e Michela che stanno combattendo questa battaglia in prima linea. Sono loro che rischiano ogni giorno per via del coronavirus, ma anche per l’ignoranza di alcuni. E non sono i soli. Ci sono i farmacisti, gli addetti alle pulizie e tanti altri lavoratori a cui dovremmo apporre subito una medaglia al petto. Talmente tanti che non è possibile definire davvero un elenco. Tra questi, però, ci sono senz’altro coloro che lavorano nei supermercati. Ketti Vagnini è la titolare di uno di questi esercizi commerciali, dove ogni giorno si creano code per fare la spesa. Ketti ha sotto gli occhi i suoi clienti, e non può fare a meno di notare quanti errori commettano. C’è chi si presenta più volte al giorno, chi girovaga per le corsie senza aver fatto una lista: sono tante le leggerezze che potrebbero costare caro all’interno comunità. Ketti - in questo post pubblicato su un gruppo Facebook di Fano – ci suggerisce come migliorare per il bene di tutti.


...

La quarantena è una dura prova per tutti. Ma una cosa va sempre ricordata: il nostro ‘sacrificio’ non è assolutamente nulla in confronto a ciò che stanno passando tante altre persone. In primis i malati, ma anche chi sta lottando per la loro vita, al netto di tutte le altre categorie professionali che continuano a rimanere operativi per il bene di tutti. Medici e infermieri, però, sono davvero in prima linea in questa tremenda battaglia contro il coronavirus. Dopo il racconto di Letizia Pietrini, vi riportiamo le parole di un’altra infermiera. Martina Turiani è una fanese in servizio all’ospedale San Salvatore di Pesaro, lì dove davvero si vive in trincea contro il Covid-19, tra turni massacranti e camici intrisi di sudore. Questa è la sua preziosa testimonianza, pubblicata giovedì sul suo profilo Facebook.


...

Sono stati 980 i controlli effettuati martedì nella provincia di Pesaro e Urbino. A questi vanno aggiunti quelli dei giorni precedenti, tra cui i 1140 di lunedì. La ‘morale’ è soltanto una: le forze dell’ordine stanno facendo verifiche a tappeto tra gli ancora troppi ‘ furbetti della passeggiata’ che – nonostante il continuo proliferare del coronavirus - si trovano in strada senza delle reali motivazioni. Soltanto martedì le denunce sono state 16.




...

Letizia Pietrini, fanese doc. Non ha ancora 33 anni, ed è un’infermiera precaria. Detta così sembra l’identikit di una giovane donna qualunque, alle prese con una passione importante e con una certa propensione verso il prossimo. Per di più alle prese con gli annosi problemi del sistema-lavoro. Ma il momento è speciale, e questo fa di lei una persona ancor più speciale. Letizia è uno dei tanti angeli – ma non chiamateli ‘eroi’, non tutti gradiscono – che in questa fase storica così delicata stanno lottando per noi. In questa guerra contro un nemico – visibile ma tangibile – chiamato Covid-19, Letizia si trova in prima linea. Lavora per salvare vite nel reparto di rianimazione dell’ospedale San Salvatore di Pesaro, dove ora si trovano tutti i pazienti del territorio affetti da coronavirus. Questa è la sua testimonianza. Da parte nostra, i più sentiti ringraziamenti a Letizia e a tutti coloro che stanno lavorando e rischiando per noi.


...

Al momento sono 11 i pazienti affetti da Covid-19 trattati nell’azienda ospedaliera Marche Nord, con il farmaco Tocilizumab, il farmaco per la cura dell’artrite (qui i dettagli, ndr). “Abbiamo lavorato sin da subito per avere questo farmaco - spiega il Direttore della farmacia di Marche Nord Mauro Mancini - e martedì i medici hanno provveduto a somministrarlo ai primi pazienti.



...

“Siamo la Maratona dei Valori, la salute e la salvaguardia degli atleti è sempre al primo posto per noi pertanto la decisione, seppur presa a malincuore, era inevitabile”. Il comitato organizzatore della ColleMar-athon, la corsa podistica da Barchi a Fano, comunica che la 18esima edizione dell’evento in programma domenica 3 maggio è sospesa.




...

Fino a ieri era un farmaco utilizzato contro l’artrite reumatoide e non solo. Oggi – forse – è una luce in fondo al tunnel. Un tunnel chiamato coronavirus, illuminato da una nuova speranza: quella che il tocilizumab possa davvero salvare delle vite. I pazienti sottoposti a questo tipo di terapia stanno rispondendo bene. La notizia riguarda Fano molto da vicino. Tutto parte da Napoli, ma si sta utilizzando questo farmaco anche altrove. A Bergamo, ad esempio, ma anche su pazienti che si trovano a Milano e nella stessa Città della Fortuna.




...

Il decreto non è ancora stato firmato. Quel che sembra pressoché certo, però, è che - per la provincia di Pesaro e Urbino - sono previste nuove restrizioni. Zona rossa o no, è già iniziato il tam tam sulla stampa locale, e i lettori hanno necessità - ma anche una legittima ansia - di saperne di più. In questo frangente di inevitabile attesa, sono arrivate le prime indicazioni da parte del governatore della Regione Marche Luca Ceriscioli.


...

Un videomessaggio registrato in mattinata dalla sede del Coc. A parlare è il sindaco di Fano Massimo Seri, alla luce del nuovo decreto firmato dal premier Giuseppe Conte nella notte tra sabato e domenica, e che impone nuove restrizioni fino al prossimo 3 aprile per tutta la provincia di Pesaro e Urbino (qui i dettagli).




...

La Giunta regionale ha stanziato un milione di euro per sostenere l’incremento delle attività, da parte delle strutture sanitarie, impegnate nel contrasto al coronavirus. In serata dovrebbero arrivare le nuove forniture di materiale sanitario della Protezione civile nazionale, per potenziare dotazioni a disposizione degli operatori, “consentendo loro di lavorare in modo migliore e con maggiore tranquillità”. Lo ha riferito lunedì il presidente Luca Ceriscioli, nel punto stampa pomeridiano dedicato all’emergenza Convid-19.


...

Sono in tutto 61 i casi accertati di coronavirus nell’intera regione, su un totale di 200 test effettuati. Va però precisato che soltanto 6 sono i casi confermati dall'Istituto superiore di sanità. Tutti gli altri non sarebbero ancora processati. Numeri forniti dalla stessa Regione Marche, e che di certo non consolano di fronte al secondo decesso nella provincia di Pesaro e Urbino.


...

La Regione Marche ha attivato un tavolo tecnico per introdurre misure regionali a sostegno del mondo produttivo danneggiato dall’emergenza coronavirus. Saranno interventi integrativi di quelli nazionali, in corso di definizione in questi giorni. Ma intanto le organizzazioni produttive e sociali sono state inviate a Palazzo Raffaello per verificare bisogni e risposte necessarie, a partire dall’eventuale rimodulazione dei fondi europei, ancora disponibili, a fine periodo di programmazione (2014-2020).





...

Dodici casi in più in un sole ventiquattr’ore. Che si aggiungono agli undici tamponi risultati positivi negli ultimi giorni. E sono tutti della provincia di Pesaro e Urbino, che fino a poche ore fa sembrava essere l’unica colpita dal coronavirus in tutte le Marche. E invece no: perché c’è un tredicesimo tampone risultato positivo nella giornata di sabato, e proviene dalla provincia di Ancona. A comunicarlo è stato il Gores (gruppo operativo regionale per le emergenze sanitarie).



...

Sono mamma di tre figli: la prima è affetta da una grave malattia rara e versa in stato di severa disabilità ed altri due figli in età scolare. Risiedo nelle Marche e precisamente nel comune di Fano. Seguo attentamente le notizie che vengono divulgate giorno per giorno circa il diffondersi del “CORONAVIRUS” e le misure adottate al momento al fine di contrastarne un rapido contagio.


...

Il Gores ha comunicato domenica la presenza di 11 nuovi tamponi positivi al coronavirus, 10 provenienti dall'Area Vasta 1 - vale a dire la provincia di Pesaro e Urbino - e uno dall'Area vasta 2, ovvero la provincia di Ancona. I nuovi campioni verranno inviati lunedì all'Istituto superiore di sanità per la conferma. Sale dunque a 35 il numero di tamponi positivi nella Regione Marche, 33 a Pesaro Urbino più i 2 della provincia di Ancona.



...

Scuola, sport, santa messa, cinema, teatro, eventi, concorsi: tutto fermo per coronavirus. E in bar, ristoranti e negozi ci si andrà a patto che si potrà restare a un metro di distanza gli uni dagli altri. Queste - e tante altre ancora - sono le restrizioni imposte dal decreto governativo che di fatto equipara la provincia di Pesaro e Urbino agli altri 'cluster' del Paese, ovvero Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna. Segue il testo integrale delle sospensioni e delle limitazioni così come comunicate dalla Regione Marche.


...

Distanza forzata. Sara Stroppa definisce così la situazione che si è venuta a creare per colpa del coronavirus. Lei è una 42enne originaria di Codogno, ma da anni vive a Fano per lavoro. Genitori, parenti e amici, però, sono ancora lassù. In quella che oggi viene tecnicamente – e forse volgarmente – chiamata ‘zona rossa’. Un confine più immaginario che reale separa il dentro dal fuori, un limite che però si fa concreto quando ti costringe a rimanere in apprensione per i tuoi cari senza poterli riabbracciare. Segue la lettera integrale di Sara. Uno sfogo, un grido di dolore trasmesso per iscritto che getta una luce diversa sul concetto di ‘quarantena’. E che ci riscalda al di là delle definizioni, dell’odio gratuito e dei freddi numeri.




...

“È tutto sotto controllo, le autorità sanitarie stanno lavorando, e invito tutti a non farsi prendere dal panico né da preoccupazioni eccessive”. Sono le parole del sindaco di Fano Massimo Seri a margine della riunione del Coc tenutasi stamattina presso i locali del Comune, in seguito ai primi due casi - confermati da un primo tampone - di contagiati dal coronavirus nella Città della Fortuna.