...

«Sono passati solo 3 giorni da quando una mamma si è vista prelevare la figlia minorenne dalle forze dell’ordine senza la notifica di alcun provvedimento che potesse spiegare la motivazione del gesto e per giunta con un’efferatezza tale da impedire alla mamma e al nonno di trattenere e calmare la bambina in lacrime, riportando entrambi traumi fisici documentati in seguito dal certificato del pronto soccorso», affermano il capogruppo della Lega Sandro Zaffiri e il Consigliere della Lega Marzia Malaigia.


...

"Le Marche hanno voglia di cambiare e lo hanno urlato forte in una piazza Mazzini stracolma a Macerata dove Matteo Salvini con il commissario Riccardo Augusto Marchetti e i parlamentari delle Marche Giuliano Pazzaglini, Tullio Patassini, Giorgia Latini e Luca Paolini ha presentato i candidati al consiglio regionale per la Lega ed il candidato sindaco di Macerata Sandro Parcaroli.



...

Le Marche hanno voglia di cambiare e lo hanno urlato forte in una piazza Mazzini stracolma a Macerata dove Matteo Salvini con il commissario Riccardo Augusto Marchetti e i parlamentari delle Marche Giuliano Pazzaglini, Tullio Patassini, Giorgia Latini e Luca Paolini ha presentato i candidati al consiglio regionale per la Lega ed il candidato sindaco di Macerata Sandro Parcaroli.





...

“La grande affluenza ai gazebo organizzati dalla Lega, testimonia che i marchigiani sono con noi, e insieme costruiremo un futuro nuovo per questa splendida terra”, ha dichiarato il commissario della Lega Marche, Onorevole Riccardo Augusto Marchetti. “In tutte le province sono state raccolte migliaia di firme, non solo per dire basta a questo governo anti-Italia, ma anche per fermare il poltronificio del candidato governatore del PD, Mangialadi.



...

“I dati regionali presentati da Banca d'Italia certificano una crisi economica strutturale delle Marche e mettono a nudo le responsabilità di una giunta regionale che in cinque anni non ha dato risposte, visto che i dati negativi hanno origine ben prima del Covid-19. Il PD dopo 5 anni lascia una regione più debole, meno competitiva e con una ricostruzione post-sisma ferma quasi al punto zero”.




...

“E’ evidente che la mozione sul ‘Nuovo patto sociale’ sia una provocazione pensata con il fine di convogliare il dibattito economico su una posizione puramente ideologica. La sinistra ha sempre e solo una strategia: nuove tasse per colpire chi genera ricchezza e produce lavoro!”; così ha esordito il Consigliere della Lega Marche Mirco Carloni in occasione della discussione in aula della mozione proposta dal Consigliere Giacinti sulla quale la Lega ha votato in modo contrario.


...

“La presentazione del candidato della sinistra alle prossime regionali è stata teatro di una grottesca sceneggiata. Mangialardi si è cucito addosso la parte di figlio ingrato che si vergogna della famiglia-PD, ma che, al contempo, non disdegna i voti della sua nomenklatura, senza i quali l’ago della bilancia elettorale del sindaco senigalliese non si smuoverebbe di una tacca".


...

“Il blitz che sta tentando di fare la sinistra sulla legge elettorale per le elezioni regionali è immorale, oltre ad essere una chiara dimostrazione della paura di perdere dopo cinque anni di pessimo governo regionale.


...

“Il Segretario Federale della Lega, Matteo Salvini, torna nelle Marche il prossimo 8 giugno: il tour prevede tappe nelle province di Ancona e Fermo”, ad annunciarlo il Commissario della Lega Marche, On. Riccardo Augusto Marchetti. “La mattinata – ha reso noto Marchetti – inizierà alla Lega del Filo d’Oro di Osimo, per vedere da vicino l’operatività di una delle eccellenze del sostegno alla disabilità in Italia, unico punto di riferimento per le famiglie di bambini e adulti sordociechi e con pluridisabilità sensoriali.


...

200 milioni sono troppo pochi e servono almeno il doppio delle risorse per finanziare interventi strutturali per famiglie ed imprese. Il Consiglio regionale sia protagonista davvero della scelta di come ripartire le risorse e non lasci una delega in bianco alla giunta con il solo scopo propagandistico in vista delle elezioni regionali. Oggi non servono interventi di poca entità una tantum, ma investimenti strutturali legati ad una vera strategia di rilancio”.


...

Sono cessate dal 18 maggio tutte le misure limitative della circolazione nel territorio regionale che erano state introdotte a seguito dell'emergenza Coronavirus, ma per gli spostamenti interregionali bisognerà invece attendere giugno anche se resta la possibilità di spostarsi tra una regione e l’altra, con l’autocertificazione, per stato di necessità, salute e lavoro.


...

"Piuttosto che minacciare ritorsioni legali nei confronti della Lega, Ceriscioli si interroghi sui ritardi e sul perché le Marche sono l'ultima regione a dover ancora approvare protocollo per l'utilizzo del plasma. Il polverone contro la Lega è strumentale solo per nasconde i ritardi accumulati, mentre nelle altre Regioni si procede a passo spedito. Ancora una volta sono state tradite le aspettative dei marchigiani”.


...

“Marche unica regione d’Italia a sospendere la sperimentazione della cura per i malati Covid con plasma iperimmune. Lo ha deciso il presidente Ceriscioli, a distanza di oltre un mese (era l’8 di aprile) dall’adesione formale alla sperimentazione della terapia, dietro il parere del Comitato Etico regionale che ha respinto il protocollo, forse ipotizzando un rischio per la trasmissione di altre malattie.



...

“Quello della ristorazione è di certo tra i settori più colpiti dalle misure di contenimento dovute all’emergenza del Codiv-19: dall'inizio dell'anno queste imprese hanno già perso 12 miliardi di euro e, a fine anno, la perdita stimata sarà di circa 21 miliardi di euro. Sono a rischio 50.000 imprese tra bar, ristoranti, catering, intrattenimento, stabilimenti balneari, con ricadute preoccupanti per l'occupazione che rischia di perdere 300.000 lavoratori e lavoratrici.


...

“Con l’emergenza COVID-19 il settore turismo nelle Marche è in ginocchio. Servono un anno bianco fiscale, l'accesso al credito e voucher di ristoro per evitare il fallimento di migliaia di imprese con drammatiche ricadute occupazionali. L'assessore Pieroni, ad un mese dall'inizio dell'emergenza, ancora latita nelle proposte e si limita a promesse generiche”.


...

Il Segretario Sen. Paolo Arrigoni, insieme ai consiglieri regionali della Lega Sandro Zaffiri, Luigi Zura Puntaroni, Marzia Malaigia e Mirco Carloni, annunciano di aver presentato una serie di emendamenti alla proposta economica che si discuterà nel consiglio regionale di giovedì.



...

"Il Governo annuncia in pompa magna, alle 20.00 del sabato sera, mentre gli italiani sono a cena, che i comuni avranno a disposizione risorse in più per far fronte alle difficoltà delle famiglie. Peccato che l’anticipo di 4,3 miliardi di euro del Fondo di Solidarietà sia un’entrata già prevista con cui i comuni - tutti - riescono a chiudere il bilancio e a garantire i servizi essenziali di cui il cittadino già fruisce normalmente nel corso dell’anno”.



...

Una zona franca, un asse ospedaliero strategico che unisce le città di Cingoli e di Matelica. E’ quanto immaginato dai consiglieri regionali della Lega, Sandro Zaffiri, Mirco Carloni, Marzia Malaigia e Luigi Zura Puntaroni, nell’ottica di organizzare al meglio la grande sfida al coronavirus.



...

"Si è tenuto martedì 10 marzo il congresso regionale della Lega Marche per Salvini Premier che ha deliberato all’unanimità di eleggere il Sen. Paolo Arrigoni come Segretario Regionale.


...

“La Giunta Ceriscioli ha gestito l'emergenza Coronavirus con ritardo, lasciando i nostri medici, i nostri infermieri e gli operatori socio sanitari senza disposizioni e a rischio contagio. Le guerre interne al PD hanno ritardato la predisposizione di un piano di prevenzione efficace, con Ceriscioli che ha subito i diktat di Conte, Boccia e Ricci, posticipando quelle misure straordinarie che la Lega aveva richiesto. La Giunta regionale, inoltre, è priva di idee per sostenere le imprese e le famiglie marchigiane in difficoltà”.




...

“Già da domenica sera e ancora lunedì mattina avevamo chiesto alla Regione Marche di emanare una ordinanza per evitare rischi di contagio cosi come stavano facendo le altre Giunte Regionali pur in assenza di pazienti contagiati da Coronavirus. Finalmente lunedì a metà giornata il Presidente Ceriscioli stava spiegando in diretta i dettagli dell'ordinanza come cosa fatta quando è arrivato il "Contrordine telefonico" di Giuseppe Conte davanti ad un milione e mezzo di cittadini increduli.


...

“La faida interna al PD è più pervasiva del coronavirus, usato strumentalmente in barba alla salute dei marchigiani. Un autentico regolamento di …Conte in cui il presidente del consiglio tenta di fare quello che non è riuscito a Ricci e Zingaretti: affossare la candidatura di Ceriscioli per le regionali”.