Fermo: Il basket, l'incidente, una nuova luce in fondo il tunnel: la storia di Valentino Campetella, astro nascente del Santo Stefano

4' di lettura 05/12/2020 - Ci è arrivato in prima squadra. Ha raggiunto un traguardo stupendo e tanto desiderato. Sa bene che, per diventare uno degli interpreti della prima squadra, la strada è ancora lunga. Ma è così bello osservare quella strada quando hai la sua passione, abnegazione e intelligenza, e riesci a vederci l’inizio di un nuovo percorso di crescita.

Per Valentino Campetella questa stagione agonistica 2020-2021 rappresenta il più classico dei momenti di svolta. Dopo due stagioni trascorse a bordo campo ad allenarsi per imparare i rudimenti del basket in carrozzina, il 18enne di Grottazzolina ha ricevuto dalla società e dal suo coach Roberto Ceriscioli la promozione. Finalmente si può allenare con capitan Ghione e compagni! Siederà in panchina accanto a loro durante le partite ufficiali, quando il campionato riprenderà, e potrà imparare come si diventa un giocatore vero.

Sembra così lontana l’estate del 2017 e quei pochi centimetri di cordolo a bordo strada dove, con una precisione millimetrica che non può non farti pensare che fosse tutto già scritto nel libro del destino, la sua schiena andò ad impattare cadendo dal motorino. Pochi centimetri che gli hanno cambiato la vita.

Il coma, i mesi all’ospedale regionale di Torrette, la lenta ripresa, e poi i mesi al Santo Stefano di Porto Potenza, gruppo leader in Italina nella riabilitazione. Era così lontano il Valentino di prima, compresi gli allenamenti e le partite con la sua squadra di pallacanestro, la Nuova Petritoli basket. Finché, dopo aver ricominciato ad uscire e frequentare gente, si apre uno spiraglio che gli fa intravedere qualcosa che assomiglia a quella quotidianità che conosceva prima.

«Vuoi venire al palazzetto e provare a giocare a basket in carrozzina?», gli chiede Emanuele Bianchi, appena conosciuto ad una festa di compleanno. Alla domanda della Santi Stefano Sport, Valentino si butta. Troppo bello quello spiraglio di luce. E il suo è un “si” che vale la svolta di una vita. «E’ stato così bello tornare ad allenarmi – dice Valentino ricordando quei giorni – ho subito capito una cosa: quello che facevo prima dandolo per scontato, ovvero andare ad allenarmi, giocare con i compagni, divertirmi, ora invece era ogni volta una conquista. Una gioia vera che mi cambiava la giornata». La palla a spicchi la conosceva bene già prima, «ero un bravo tiratore. Ma ora è tutto diverso. E’ molto più difficile tirare da seduto. Ed è molto più stancante rispetto al basket in piedi. E’ davvero faticoso, per ragazzi tosti».

I successivi due anni Valentino si allena con il coach e il vice della squadra, Roberto Ceriscioli e Antonio Iannice, per apprendere i rudimenti del gioco in carrozzina, prendere dimestichezza con i movimenti e le sue tecniche. E finalmente arriva la promozione in prima squadra. «Devo ancora imparare tantissimo e crescere – dice Valentino, che magari di muscoli ne deve mettere su ancora un po’ ma di fosforo ne ha da vendere – mi sono trovato fin dal primo giorno benissimo con questa società e questo ambiente. Ora voglio imparare dai miei compagni». Capitan Ghione, Dimitri, Sabri, Emanuele e tutti gli altri.

«Il nostro è uno sport difficile – dice il suo coach, Roberto Ceriscioli – e la costruzione di un atleta richiede tempo e abnegazione. Dopo due anni passati a fare esercizi a bordo campo in parallelo alle sedute della squadra era il momento di inserirlo nel gruppo. Ora Valentino sta vedendo quanto occorre lavorare duro per meritare il campo nelle partite. Lui ha sempre dimostrato voglia di imparare e passione, lo spirito giusto per affrontare vita e sport. Valentino può rappresentare un patrimonio per il nostro futuro, è così difficile trovare nuovi atleti, ancora di più giovani».

Purtroppo alcuni problemini fisici lo hanno finora spesso tenuto lontano dal parquet in questi mesi, ma di tempo davanti ne ha. E a Valentino, in questo momento così importante per la sua vita e per il suo percorso sportivo, va un “in bocca al lupo speciale!”

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatsapp e Telegram di Vivere Civitanova.
Per Whatsapp aggiungere il numero 348.7699158 alla propria rubrica ed inviare allo stesso numero un messaggio.

Per Telegram cercare il canale @viverecivitanova o cliccare su t.me/viverecivitanova.

È attivo anche il nostro canale Facebook: facebook.com/viverecivitanova/






Questo è un articolo pubblicato il 05-12-2020 alle 11:21 sul giornale del 07 dicembre 2020 - 200 letture

In questo articolo si parla di basket, sport, porto potenza picena, Asd Santo Stefano, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bEMo