Civitanova: Il pullman dei tamponi ha acceso i motori: "Testate circa 90 persone, già segnalati i primi positivi"

3' di lettura 12/11/2020 - Al drive-through ci siamo abituati con i caselli autostradali o con l’esperienza del McDrive. Probabilmente nessuno, fino a pochi mesi fa, avrebbe pensato che anche per fare dei tamponi un giorno si sarebbe arrivati a questo punto.

Giovedì mattina di buon’ora è iniziata questa esperienza, organizzata dalla casa di cura Villa dei Pini con il supporto di Comune, Protezione Civile e Contram (che mette a disposizione il mezzo), che si propone di ampliare sempre più il ventaglio dei cittadini testati al covid-19. Parcheggiato all’estremo sud dell’ampio piazzale antistante lo stadio, quasi non lo si nota transitando lungo via Aldo Moro e arrivando verso l’ora di pranzo c’è solo un’auto che se ne sta andando. «Ma dalle 8.30 alle 12 abbiamo eseguito circa una novantina di tamponi», assicura Francesco Baiocco, infermiere specializzato dello staff di Villa dei Pini. Nelle scorse settimane aveva fatto parte dell’equipe che ha allestito un punto tamponi all’interno dell’aeroporto di Falconara.

Il meccanismo è molto semplice: l’auto arriva, parcheggia sotto il gazebo allestito di fianco al pullman (in modo da essere riparati in caso di pioggia) e una persona sale sul bus, dalla porta sul retro, per fare il check-in. «Se in auto ci sono più persone, come finora abbiamo riscontrato, comunque scende uno solo a fare il check-in – spiega Baiocco – una volta eseguita questa fase, si passa ai tamponi veri e propri. Nella sala adibita appositamente si entra al massimo in due per volta. Lì si fa il tampone rapido, che consiste semplicemente nel prelevare dei campioni organici dal naso. Dura una decina di secondi e si fa con un bastoncino che va in profondità per massimo 8 centimetri».

Fatto il prelievo, si esce dalla porta anteriore e si aspetta il responso. «In massimo 15 minuti arriva la risposta – prosegue l’infermiere – se si è negativi, si può andare via senza problemi. Se si risulta positivi, un amministrativo parla con il paziente, avverte l’Asur e si avvia il procedimento standard. Se il paziente vuole, può effettuare già in loco un tampone molecolare, che è più preciso di quelli rapidi che facciamo in prima istanza, e poi viene portato a Villa dei Pini per essere analizzato. A questo punto, il paziente torna a casa e avverte il suo medico di famiglia, che si occuperà di attivare l’iter tramite Asur. Abbiamo subito riscontrato alcuni positivi, ma in realtà in percentuale piuttosto bassa rispetto al numero dei tamponi effettuati».

Il costo del tampone rapido è di 30 euro e su questo vero e proprio laboratorio da campo si alternano diverse squadre per coprire le 10 ore giornaliere di funzionamento (dalle 8.30 alle 18.30). «Attualmente siamo in cinque, due infermieri, un amministrativo e due addetti a check-in e consegna delle risposte – dice Baiocco – è un servizio molto veloce, pratico e meno affollato rispetto alle attese in un luogo chiuso come può essere l’ospedale o un ambulatorio tradizionale».

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatsapp e Telegram di Vivere Civitanova.
Per Whatsapp aggiungere il numero 348.7699158 alla propria rubrica ed inviare allo stesso numero un messaggio.

Per Telegram cercare il canale @viverecivitanova o cliccare su t.me/viverecivitanova.

Sono attivi anche i nostri canali social: Facebook: facebook.com/viverecivitanova/ e Twitter: twitter.com/viv_civitanova.








Questo è un articolo pubblicato il 12-11-2020 alle 14:25 sul giornale del 13 novembre 2020 - 293 letture

In questo articolo si parla di attualità, vivere civitanova, articolo, marco pagliariccio

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bBJT





logoEV