Coppia uccisa a Lecce. Il 21enne fermato: ''Sono stato io''

1' di lettura 29/09/2020 - "Si, sono stato io". Ha confessato di essere stato lui ad uccidere, Antonio De Marco, lo studente 21 enne arrestato ieri sera per l'omicidio di Daniele De Santis e della sua fidanzata Eleonora Manta.

La confessione è avvenuta nella notte davanti al procuratore di Lecce, Leonardo Leone De Castris che lo ha interrogato nella caserma dei carabinieri. La notizia della confessione è stata confermata dalla Procura. Ieri sera al termine della conferenza stampa era stato lo stesso Procuratore ad augurarsi che il giovane potesse confessare. "L'azione è stata realizzata con spietatezza e totale assenza di ogni sentimento di pietà verso il prossimo". E' quanto si legge nel provvedimento di fermo nei confronti di De Marco. "Nonostante le ripetute invocazioni a fermarsi urlate dalle vittime l'indagato proseguiva nell'azione meticolosamente programmata inseguendole per casa , raggiungendole all'esterno senza mai fermarsi. La condotta criminosa, estrinsecatasi nell'inflizione di un notevole numero di colpi inferti anche in parti non vitali (il volto di De Santis) e quindi non necessari per la consumazione del reato, appare sintomatico di un'indole particolarmente violenta, insensibile ad ogni richiamo umanitario".






Questo è un articolo pubblicato il 29-09-2020 alle 11:32 sul giornale del 30 settembre 2020 - 337 letture

In questo articolo si parla di cronaca, edoardo diamantini, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bxeI


logoEV