Premialità Covid: i sindacati chiedono alla regione di portare a termine gli impegni

1' di lettura 23/07/2020 - Si è svolto giovedì l'incontro di verifica sullo stato di attuazione del protocollo di intesa riguardante le premialità covid,

Si è proceduto ad una prima ricognizione sullo stato del confronto; tutti gli enti hanno provveduto a pagare le indennità e lo straordinario mentre, relativamente al sistema premiante a fasce, occorre che siano individuate ulteriori risorse tra le possibilità previste dalla norma. Nel DL Rilancio, infatti, con la sua definitiva conversione in legge dà certezza rispetto alle risorse complessivamente stanziabili per le premialità dell'emergenza Covid consentendo alla Regione Marche l'incremento di ulteriori 2,4 milioni di Euro.

I sindacati, inoltre, hanno richiesto di dare piena attuazione a quanto previsto dal decreto "Salva Calabria" laddove si prevede che il limite massimo di spesa per il personale sanitario per ogni regione può essere incrementato prendendo a riferimento i dati di spesa effettiva del 2018. Questa possibilità, prevista all'art. 11 del Dlgs 35/2019, consentirebbe maggiori margini anche per quanto riguarda la capacità assunzionale del nostro servizio sanitario regionale; si ricorda che il precedente limite in materia di personale era riferito alla spesa effettiva del 2004 meno 1,4% con effetti devastanti sulla contrazione degli organici.

Il tavolo di confronto si aggiorna al prossimo 30 Luglio dove per Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl è fondamentale che siano chiariti il nuovo tetto di spesa del personale e le ulteriori risorse da destinare alle premialità.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 23-07-2020 alle 18:13 sul giornale del 24 luglio 2020 - 176 letture

In questo articolo si parla di lavoro, cgil marche, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/brtt





logoEV