Si può riaprire (non tutto) dal 18 maggio, l'ok del Governo

Francesco Boccia 1' di lettura 07/05/2020 - Ma saranno le Regioni a poter decidere come gestire le riaperture, che saranno differenziate in base alla situazione territoriale: ci si affida al buonsenso dei governatori e alla responsabilità dei cittadini.

Il governo apre all’accelerazione delle riaperture in Italia, anticipando dal 1 giugno al 18 maggio la data di un - possibile - via libera ad alcune attività.

Non sarà un processo uguale per tutti: le aperture saranno calendarizzate in base all'andamento dei contagi nelle regioni e le responsabilità sulla riuscita delle iniziative in termini di rispetto delle misure di sicurezza ricadrà tutta sulle autorità locali.

"Il 18 maggio molte attività potranno riaprire, ma in totale sicurezza, vogliamo differenziazioni territoriali - ha affermato il ministro degli affari regionali Boccia - ma se le Regioni riaprono senza il rispetto delle linee guida Inail se ne assumeranno la responsabilità".

​​​Il Governo darà nei prossimi giorni altre indicazioni, la palla ora passa ai presidenti delle regioni.


di Cristina Carnevali
redazione@viverejesi.it





Questo è un articolo pubblicato il 07-05-2020 alle 09:03 sul giornale del 08 maggio 2020 - 806 letture

In questo articolo si parla di attualità, jesi, riapertura, cristina carnevali, articolo, coronavirus, covid19, fase 2, riaperture, fase due

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/blaZ





logoEV