Confidi: "Senza di noi maggiori ostacoli alla micro, piccola e media impresa per l’accesso al credito"

3' di lettura 02/04/2020 - I Confidi vigilati delle Marche (UNI.CO. e Confidicoop Marche) ritengono che, il contenuto delle dichiarazioni rilasciate dal Consigliere Mirko Carloni apparse oggi sulla stampa locale, contengano numerose inesattezze, rivelando quanto chi lo ha ispirato non conosca in primis il nuovo Decreto “Cura Italia” e ancor più faccia fatica a districarsi su temi di carattere finanziario ed economico.

Il Consigliere associa impropriamente la garanzia prestata dal Fondo Centrale di Garanzia, con il credito che gli Istituti di Credito e gli Intermediari Finanziari (Confidi) possono e debbono concedere. L’art.49, comma 1, lett. a del Decreto “Cura Italia2 sancisce che la garanzia del Fondo Centrale di Garanzia è concessa a titolo gratuito; a titolo gratuito è altresì offerto l’accesso alla garanzia del Fondo Centrale di Garanzia da parte delle Banche e degli Intermediari finanziari (Confidi). Dove sono i maggiori costi? Il comma 9 dello stesso articolo 49 prevede che, “…. il Ministro dell’Economia e delle Finanze di concerto con il Ministro dello Sviluppo Economico possa, qualora necessario, prevedere ulteriori misure di sostegno finanziario alle imprese attraverso il rilascio di finanziamenti a tasso agevolato e di garanzie fino al 90% a favore delle imprese, tramite le Banche o gli Intermediari Finanziari (Confidi) che erogheranno nuovi finanziamenti agevolati alle imprese.”

La non conoscenza da parte di chi parla dell’iter operativo di delibera delle richieste di credito alle Banche, tramite il Confidi, porta ad affermare cose assolutamente non vere. Banca e Confidi effettuano l’analisi delle richieste di credito in contemporanea, raggiungendo la delibera sostanzialmente negli stessi tempi. Dov’è il ritardo? Da ultimo, ma non sicuramente per ordine di importanza, evidenziamo che, il massiccio utilizzo del Fondo Centrale di Garanzia, passato da 4 miliardi del 2010 a 16 miliardi nel 2018 non ha portato a nessun incremento dei volumi di credito erogato alle imprese né ad un miglioramento delle condizioni economiche applicate alle stesse, come invece si vuol far intendere. Infatti, nello stesso lasso di tempo sopra citato, i volumi di credito erogati con garanzia (Confidi e Fondo Centrale di Garanzia) è passato da 24, 9 miliardi di euro a 22,4 miliardi di euro, con un decremento pertanto di 2,5 miliardi di euro.

Non è sicuramente responsabilità del Confidi la non erogazione del credito; il Fondo Centrale di Garanzia è stato utilizzato strumentalmente ed esclusivamente dalle Banche al fine di garantirsi un minor impegno di patrimonio. In un momento di difficoltà come questo nel quale viviamo, i Confidi vigilati sono a disposizione delle imprese tutte, in particolare micro, piccola e media impresa ed assicurano il dovere-diritto di garanzia ed affiancamento tecnico per le loro esigenze e nel confronto con gli Istituti di Credito, garantendo ovviamente quanto previsto dal D.L. 18 marzo 2020, cioè l’accesso al credito agevolato. Dividere le forze di soggetti, ancor più in questa fase così grave per il paese e l’economia rinunciando ad alcune fra esse, in un momento nel quale dovremmo per altro essere tutti uniti, a parere di chi scrive, è inqualificabile ed oggettivamente dannoso.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 02-04-2020 alle 18:08 sul giornale del 03 aprile 2020 - 223 letture

In questo articolo si parla di economia, Rete Confidi Marche, confidi marche, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/biUs





logoEV