Fano: Calci e pugni in faccia alla compagna: arrestato. Finito un incubo durato tre mesi

1' di lettura 13/01/2020 - Una violenza indicibile. Calci e pugni al volto, con una forza tale da costringerla ad andare al pronto soccorso per farsi medicare.

A subire tutto questo è stata una 44enne straniera ma residente da molti anni a Fano. È successo nella notte tra venerdì e sabato, in un appartamento di via dell’Industria. E non era la prima volta. Si è scoperto che le violenze, infatti, perduravano da almeno tre mesi, ma la donna non aveva mai sporto denuncia.

Una volta in ospedale, però, la verità è venuta a galla. A sferrarle calci e pugni addirittura in faccia era stato il suo compagno 51enne, anche lui straniero. I carabinieri di Fano gli hanno subito dato la caccia. Rintracciato per le vie della città, gli hanno messo le manette ai polsi. Lunedì mattina la convalida. Il giudice ha deciso che l’uomo resterà in carcere.


Resta aggiornato in tempo reale con il nostro servizio gratuito di messaggistica:

  • per Whatsapp aggiungere il numero 350 564 1864alla propria rubrica e inviare un messaggio - anche vuoto - allo stesso numero
  • Per Telegram cercare il canale @viverefano o cliccare su t.me/viverefano







Questo è un articolo pubblicato il 13-01-2020 alle 18:36 sul giornale del 14 gennaio 2020 - 1263 letture

In questo articolo si parla di cronaca, fano, carabinieri, violenza domestica, violenza contro le donne, articolo, Simone Celli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/beY1