In carrozzina dalla Brianza a Catania

2' di lettura 08/06/2019 - Un diabetico senza gambe corona il suo sogno: oggi a Chiaravalle e in provincia di Ancona.

Si può sognare anche se un maledetto diabete ti ha privato delle gambe? Sì, si può! Si può volare anche su una carrozzina elettrica? Certo che si può! Basta avere cuore e coraggio, voglia di osare e di non piegarsi ad un destino beffardo.

E’ così che Bruno Rupp – che tutti chiamano Paolo – a 69 anni ha deciso di stabilire una sorta di record e di varare un progetto che si chiama “Rotellando verso Sud” che culla da due anni: percorrere con la sua carrozzina rigorosamente elettrica ben 1200 chilometri dalla Brianza alla Sicilia in una cinquantina di tappe, attraversando 7 regioni, per raggiungere finalmente Catania tra un mesetto.

Paolo non è solo nella sua avventura; ad accompagnarlo un altro personaggio sui generis, Mauro Giussani che lo supporta e lo stimola e che cammina di buona lena al suo fianco. Anche Mauro ha una storia da raccontare. “Quando ho letto dell’avventura che aveva in mente Paolo Rupp ho immediatamente deciso che lo avrei aiutato e sarei stato al suo fianco. Lavoravo all’ufficio tecnico comunale, ho chiesto l’aspettativa ma non me l’hanno concessa. Non ci ho pensato su e mi sono licenziato: del resto la mia fidanzata Daniela è marchigiana, di Moie di Maiolati, ed avevo già deciso che mi sarei fermato nelle Marche. E così sarà alla fine di questa stupenda avventura”.

E nelle Marche i due ci sono arrivati in questi giorni, supportati anche dagli amici Manuel Micheli e da Rocco D’Elia che li precedono in auto in avanscoperta anche per trovare ospitalità e luoghi per riposarsi. Prima Fano, Marotta e poi Marina di Montemarciano, Chiaravalle, Camerata, Polverigi per giungere alla fine della tappa all’Aspio. “L’accoglienza dei marchigiani e soprattutto in provincia di Ancona e nella Vallesina, anche grazie a Daniela, è stata splendida, davvero commovente. In tanti ci sono vicini, camminano idealmente con noi e ci aiutano anche contribuendo concretamente tramite il sito www.rotellandoversosud.it”.

La bizzarra e simpatica comitiva ha fatto tappa a Chiaravalle dove ha avuto modo di apprezzare la pista pedonale e ciclabile che collega la manifattura tabacchi col centro storico e l’abbazia cistercense. Il tempo di salutare alcuni amici e di scattare qualche foto e poi via, di nuovo in marcia verso l’Aspio. La carrozzina elettrica di Bruno “Paolo” Rupp, ribattezzata “Ruppmobile”, non teme ostacoli e buche, cordoli e fossi. E il suo suo cuore coraggioso è volato già in Sicilia per coronare un sogno.








Questo è un articolo pubblicato il 08-06-2019 alle 17:14 sul giornale del 10 giugno 2019 - 1073 letture

In questo articolo si parla di attualità, gianluca fenucci, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a8oL