Modifica della legge elettorale, il M5S Marche chiede il ballottaggio

3' di lettura 07/02/2019 - Accorpamento delle province di Ascoli Piceno e Fermo in un'unica circoscrizione elettorale, equilibrio fra uomo e donna nelle candidature e nelle preferenze, innalzamento delle percentuali di sbarramento ottenute dalle liste.

Ma soprattutto il ballottaggio tra i due candidati Presidenti arrivati primo e secondo, nel caso in cui il primo non ottenga almeno il 35% dei voti. È la proposta di legge (PdL) a firma dei consiglieri regionali, Gianni Maggi, Peppe Giorgini e Romina Pergolesi del Movimento 5 Stelle Marche per modificare la legge regionale 27/2004 (“Norme per l'elezione del Consiglio e del Presidente della Giunta regionale”). Il testo, alla cui stesura ha collaborato anche il dott. Riccardo Arbuatti (attivista M5S di Civitanova ed esperto in materia), è stato già inserito sulla piattaforma Lex Regionale di Rousseau per ricevere contributi dagli iscritti.

Nel dettaglio, la PdL – che verrà illustrata ai cittadini pure attraverso banchetti informativi - apporta modifiche significative alla legge attualmente in vigore. Si modificano infatti le attuali cinque circoscrizioni elettorali in cui è ripartito il territorio regionale in quattro circoscrizioni, prevedendo l'accorpamento delle Province di Ascoli Piceno e Fermo al fine di renderle omogenee alle altre in termini demografici. In ogni lista, inoltre, propone sempre il M5S Marche, nessuno dei due generi può essere rappresentato in misura superiore al 60% del numero totale dei candidati in lista. Non solo. Il nuovo sistema prevede il voto disgiunto. Viene altresì introdotta la doppia preferenza con candidati di sesso diverso. Non sono ammesse all'assegnazione dei seggi le coalizioni che hanno ottenuto meno dell' 8% per cento del totale dei voti.

Ma il fulcro della PdL è rappresentato, appunto, dal ballottaggio. Sarà eletto Presidente della Giunta regionale il candidato che raggiungerà almeno il 35% dei voti rispetto ai contendenti. In caso di mancato raggiungimento di tale percentuale, si procederà quindi al secondo turno tra i due candidati che hanno ottenuto il risultato migliore.

«In questa nostra Proposta di Legge abbiamo introdotto alcuni aspetti importanti, quali la preferenza di genere, la percentuale minima per poter accedere ai seggi, l'accorpamento delle province di Ascoli e Fermo, ma soprattutto, ed è il nocciolo centrale, il ballottaggio. Come già accade in Toscana e nei Comuni – afferma il capogruppo del M5S Marche, Gianni Maggi -. Crediamo che la governabilità vada garantita, anche alla luce dei sondaggi e dei recenti risultati elettorali che ci indicano la difficoltà per qualsiasi forza di ottenere la maggioranza per governare. Lo dobbiamo ai cittadini. Ed è il solo modo, a nostro parere, per scongiurare apparentamenti e alleanze “contro natura” e garantire l’omogeneità e la coesione della compagine che dovrà amministrare la nostra Regione. Per questo ci rivolgiamo a tutte le forze politiche che hanno a cuore la democrazia e la trasparenza, pronti a confrontarci per il bene di tutta la nostra comunità».

«Con questa PdL – è il commento di Romina Pergolesi – vogliamo anche promuovere la parità di accesso tra donne e uomini alle cariche elettive, in ottemperanza all'articolo 117 della nostra Costituzione. Esso evidenzia proprio l'importanza delle leggi regionali nella rimozione di ogni ostacolo che impedisca la piena parità degli uomini e delle donne nella vita sociale, culturale ed economica. Finalmente anche la regione Marche si conformerà alla normativa nazionale. Ringrazio i colleghi Maggi e Giorgini per la sensibilità dimostrata su questo tema».

«Questa PdL è necessaria per evitare inciuci e accordi sottobanco fra liste e listelle – spiega Peppe Giorgini - . La legge li ammette, ma hanno ben poco di democratico. Crediamo che l'attuale legge elettorale delle Marche sia iniqua, ritenendo invece imprescindibile il ballottaggio per confrontarsi lealmente, viso a viso. Ai cittadini marchigiani dobbiamo garantire la governabilità».


dal Movimento Cinque Stelle

Gruppo consiliare Regione Marche







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 07-02-2019 alle 16:32 sul giornale del 08 febbraio 2019 - 629 letture

In questo articolo si parla di politica, movimento cinque stelle Marche

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a35D





logoEV