Ancona: Colto da infarto a largo di Ancona, salvato da un controllo della Guardia di Finanza

15/05/2018 - La motovedetta della Finanza stava effettuando un normale controllo nella mattina di martedì su catamarano al largo dal porto di Ancona, ma appena le due barche si avvicinavano gli uomini in divisa notavano che qualcosa non andava nell'equipaggio della barca a vela.

Uno dei quattro uomini a bordo, un kazako di 58 anni riferiva agli Agenti della finanza di accusare un forte dolore al petto. L'uomo veniva fatto immediatamente salire a bordo della motovedetta della Guardia di Finanza, ben più veloce del catamarano a vela, sul quale rimanevano i 3 croati, compagni di bordo del kazako.

A tutta velocità il natante delle Fiamme Gialle raggiungeva il molo della finanza presso la Mole Vanvitelliana, dove già li attendeva l'auto medica del 118, contattato via radio, e un mezzo della Croce Gialla di Ancona. Attraccata la motovedetta i dottori dell'auto medica salivano a bordo, constatando che effettivamente nel petto del velista era in corso un infarto cardiaco.

Caricato d'urgenza sul mezzo della Croce Gialla di Ancona l'uomo era trasferito a Torrette in emodinamica, seppur in gravi condizioni, ma con ottimismo da parte del personale medico. Un controllo di routine quello della Guardia di Finanza, impegnata nel costante presidio delle coste, rivelatosi quanto mai provvidenziale. La storia infatti avrebbe potuto aver un ben più triste epilogo, senza la celerità dei soccorsi garantita dall'equipaggio della motovedetta, in un contesto come quello della crisi cardiaca in cui ogni istante può rivelarsi vitale.


di Filippo Alfieri
redazione@vivereancona.it






Questo è un articolo pubblicato il 15-05-2018 alle 18:12 sul giornale del 16 maggio 2018 - 1581 letture

In questo articolo si parla di cronaca, ancona, articolo, Filippo Alfieri

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aUzh