Fano: è stata fatta esplodere la bomba ritrovata in mare al largo di Marotta

15/04/2018 - Domenica mattina alle 10 il nucleo SDAI della Marina Militare di Ancona ha fatto esplodere l'ordigno bellico rilasciato in mare lunedì scorso da reti di pescatori al largo di Marotta.

Dopo tutte le verifiche del caso per il completo sgombero dell’area marina interdetta e lo sparo della cariche di prova, è stato effettuato il brillamento della bomba, che ha alzato una fontana d'acqua di circa 20 metri.

E' stato un grande lavoro di squadra, dal rilascio in mare dell'ordigno e dal pattugliamento della zona interdetta alle operazioni di brillamento: in primis il Nucleo SDAI della Marina Militare di Ancona che ha operato con precisione e professionalità assieme alla Guardia Costiera di Ancona, Pesaro, Fano e Senigallia sotto il coordinamento della Prefettura di Pesaro ed Urbino e della Direzione Marittima Anconetana.

La Guardia Costiera coglie l’occasione per tornare a raccomandare a tutti coloro che dovessero rinvenire un ordigno in mare o sulla costa a chiamare il numero 1530 e a usare la massima cautela, evitando ogni contatto con gli oggetti rinvenuti e mantenendo la distanza di sicurezza.







Questo è un articolo pubblicato il 15-04-2018 alle 15:49 sul giornale del 16 aprile 2018 - 975 letture

In questo articolo si parla di cronaca, mondolfo, marotta, guardia costiera, marco vitaloni, articolo, Brillamento bombe in mare





logoEV