Macerata: sciopero della fame degli studenti contro i mancati contributi per gli alloggi

Piazza della Libertà, Macerata 11/04/2018 - Domenica 8 aprile è stato indetto uno sciopero della fame da cinque studenti dell'ateneo maceratese per protestare contro i ritardi amministrativi e la mancata erogazione del contributo alloggio per gli studenti borsisti.

Colpisce la gravità della situazione generale dell'Ente Regionale per il Diritto allo Studio, che ad anno accademico quasi terminato deve ancora erogare il contributo in denaro per gli studenti che ne hanno diritto per reddito; colpisce, per certi versi ancora di più, il silenzio dell'ERDIS di fronte a un'azione politica radicale ed evidentemente disperata fatta dai coraggiosi ragazzi e ragazze di Officina Universitaria; come colpiscono i temporeggiamenti dei rappresentanti dell'ateneo maceratese e della città, che nulla hanno da dire mentre propri studenti e cittadini non mangiano da 72 ore, per chiedere semplicemente quello che loro spetta.

Come cittadini impegnati prima di tutto, come studenti, come genitori, come persone che hanno a cuore la salute dei cittadini e tutti i loro diritti, sosteniamo la battaglia politica dei ragazzi e e delle ragazze di Officina Universitaria, che scelgono di non mollare per avere quello che spetta loro; inoltre, chiediamo che l'ERDIS eroghi immediatamente il saldi immediatamente il proprio debito verso gli studenti, evitando che lo sciopero della fame possa sfociare in qualcosa di peggiore; pretendiamo poi che il Rettore e il Sindaco di Macerata si espongano per garantire la comunità studentesca e cittadina, tutelando chi sceglie di aiutare mettendosi in gioco in modo così forte.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 11-04-2018 alle 22:09 sul giornale del 12 aprile 2018 - 520 letture

In questo articolo si parla di attualità

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aTv5





logoEV