Soccorre un tossico e poi fa arrestare il pusher: protagonista il sostituto Commissario Arcangeli

1' di lettura 21/12/2017 - Era libero dal servizio e stava trascorrendo un pomeriggio con la famiglia quando il "dovere" lo ha chiamato. Protagonista di una rocambolesca vicenda non è stato un poliziotto qualsiasi ma il sostituto commissario di Senigallia Arcangeli.

Mercoledì pomeriggio Arcengeli stava percorrendo in auto con la famiglia la Consolare per San Marino quando improvvisamente l'auto che lo precedeva ha perso il controllo ed è andata a sbattere contro il guardrail. Subito il vice commissario è sceso per prestare soccorso ma si è insospettito per l'atteggiamento nervoso dell'uomo alla guida.

Per questo Arcangeli ha deciso di seguirlo in auto. L'uomo, risultato poi essere un tossicodipendente, si è portato fin nei pressi di un supermercato dove si è incontrato con un pusher. Il dirigente ha quindi dato l'allarme ai colleghi della Questura di Rimini. I poliziotti, giunti sul posto, hanno bloccato lo spacciatore, un riminese di 32 anni, che aveva ceduto 4 grammi di eroina ricevendo in cambio 200 euro. Processato per direttissima giovedì mattina, il pusher è stato condannato ad un anno e sei mesi con pena sospesa.






Questo è un articolo pubblicato il 21-12-2017 alle 20:47 sul giornale del 22 dicembre 2017 - 1385 letture

In questo articolo si parla di cronaca, vivere senigallia, giulia mancinelli, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aP9S





logoEV