Pesaro: lavoratori minacciati, sfruttati e sottopagati. Arrestato imprenditore

Magg. Patrizia Gentili (Comandante della Compagnia CC di Pesaro), Magg. Gianfranco Albanese (Comandante del Gruppo Tutela del Lavoro di Venezia), Ten. Massimiliano Iori (Comandante del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Pesaro), Mar. Magg. 16/11/2017 - I carabinieri di Pesaro coordinati dal gruppo tutela lavoro di Venezia hanno tratto in arresto un imprenditore pesarese con l'accusa di intermediazione e sfruttamento di manodopera .

Da luglio del 2015 ad oggi l'imprenditore avrebbe sfruttato almeno 20 lavoratori pressati da minacce continue, dimissioni forzate, ore di lavoro eccessive e stipendi ridotti.

L'azienda, che si occupa di lavorazione e fabbricazione di infissi, obbligava i propri dipendenti a drammatiche condizioni di lavoro, sempre monitorati tramite un circuito di video sorveglianza abusiva e strumentale al controllo degli operai.

Tra i 20 dipendenti, tutti uomini, sia italiani che stranieri, sono emersi 11 lavoratori in nero e 13 con irregolarità contrattuali.

I controlli hanno consentito di ricostruire i fatti evidenziando che dal 2015 ad oggi l'imprenditore é riuscito a garantirsi un profitto indebito di circa 350 mila euro da retribuzioni non pagate e 150 mila di evasione al fisco.

Ieri mattina l'uomo, un 40enne pesarese, é stato arrestato ed é ai domiciliari.

É il primo caso nella provincia di Pesaro di un arresto per 603 bis nei confronti del datore di lavoro. Un fenomeno che nell'ultimo anno ha portato a 26 arrestati in tutta Italia, 6 nel solo Veneto, 63 persone deferite a piede libero, mentre sono stati 345 i lavoratori tutelati.

 





Questo è un articolo pubblicato il 16-11-2017 alle 16:03 sul giornale del 17 novembre 2017 - 406 letture

In questo articolo si parla di cronaca, redazione, pesaro, arresto, imprenditore, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aO1i