Ostra Vetere: dolore senza fine per il piccolo Florin. I parenti, "Tragedia che si poteva evitare"

13/11/2017 - Più passano le ore e più cresce il dolore. E' una tragedia immane, che non si può in alcun modo accettare. La morte del piccolo Florin, il bimbo caduto nel pozzo domenica pomeriggio in un frantoio a Corinaldo, è scioccante.

E sotto shock sono due intere comunità. Quella di Corinaldo, dove il tramma si è consumato, e quella di Ostra Vetere, dove Florin Petru Strambu, viveva insieme ai genitori e ad una sorellina più piccola. Florin stava solo giocando, era a pochi passi dal papà e dalla zia con cui domenica era andato al frontoio Brignoni per macinare delle olive. La mamma era all'interno del frantoio in attesa dell'olio. Proprio mentre era lì, sotto gli occhi dei familiari che insieme a lui aspettavano la spremitura delle olive, Florin è sparito giù, precipitato in quel pozzo maledetto. I testimoni che si trovavano li hanno raccontanto che il piccolo per alcuni minuti ha continuato a gridare mentre il papà ha cercato con tutte le sue forze di afferrarlo. Il pozzo però era troppo profondo (circa 4 metri).

A portata di mano, prima dell'arrivo dei Vigili del Fuoco, secondo quanto raccontato dai genitori non c'erano nè una corda nè una scala o appiglio per poter salvare Florin. Pochi minuti e la voce di Florin si è affievolita e poi è cessata. Il piccolo sarebbe morto annegato. Nel pozzo c'erano le acque di scolo della lavorazione delle olive, un anfratto pieno anche di gas. Una tragedia rispetto alla quale la Procura ha aperto un'inchiesta. I familiari infatti ora chiedono verità e giustizia. Hanno domande cui meritano risposte. A cominciare da come un pozzo, poco più di un tombino, potesse essere lasciato così "accessibile". I familiari sostengono che il pozzo non era ben coperto e che chiunque sarebbe potuto caderci dentro. La Procura, che lunedì ha ascoltato più volte i genitori, sta indagando per capire se ci sono gli estremi per l'omicidio colposo.

Una tragedia che ha suscitato la forte commozione generale, non solo di quanti conoscevano la famiglia, di origini rumene, ma da anni residente ad Ostra Vetere. Simbolicamente tutti ora si stringono attorno al dolore immenso che sta vivendo la famiglia di Florin. "Non riesco a credere che non ti rivedremo più -piange una amica di famiglia- un bambino felice e bello, una tragedia".





Questo è un articolo pubblicato il 13-11-2017 alle 11:38 sul giornale del 14 novembre 2017 - 2318 letture

In questo articolo si parla di cronaca, vivere senigallia, ostra vetere, giulia mancinelli, corinaldo, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aORV

Leggi gli altri articoli della rubrica fatti tragici