Ancona: Minaccia di morte la compagna e la figlia. Sudamericano a Montacuto

manette 07/11/2017 - Minaccia di morte la compagna e la figlia, ma non era la prima volta. Madre e figlia barricate in casa in casa si salvano grazie ad un sms

L’ennesima minaccia veniva stroncata ieri sera che si concludeva con l’arresto dell’uomo da parte della Mobile della polizia di Stato ieri sera, i poliziotti della Squadra Mobile e l’ufficio Prevenzione della Questura, hanno tratto in arrestato P.T.E.F., 39enne sud americano, pregiudicato, ritenuto responsabile dei reati di maltrattamenti con violenze psicologiche e fisiche nei confronti della convivente e della propria figlia, impedendo alla donna di uscire di casa, minacciandola di morte, nonché contravventore ad un’ordinanza di custodia cautelare emessa a suo carico del divieto di avvicinamento alla propria compagna emessa dal GIP di Ancona a fine settembre 2017.

I fatti. A metà settembre la vittima, compagna del sud americano, dopo l’ennesima vessazione e minaccia di morte da parte del convivente, denunciava i fatti presso gli uffici investigativi della Questura di Ancona. Di seguito all’attività dei poliziotti della specifica sezione reati contro la persona, coordinata dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Ancona, il GIP emetteva il provvedimento di divieto di avvicinamento alla donna. Tempo pochi giorni e la coppia si riappacificava tornando a convivere sotto lo stesso tetto, nonostante il provvedimento cautelare. Lunedì pomeriggio, dopo il breve tentativo di riappacificazione durato poco più di un mese, l’uomo ricominciava con le violenze e le minacce di morte nei confronti della donna e della figlia, fino al punto di rinchiuderla in casa impedendole di uscire. E’ stato grazie ad un sms che la giovane è riuscita ad inviare di nascosto al padre e ad una sua amica che la richiesta disperata di aiuto giungeva alla questura. I poliziotti della Squadra Mobile e delle Volanti raggiungevano quasi in tempo reale il nucleo familiare trovando i due che stavano ancora litigando.

L’uomo, P.T.E.F, nel tentativo dei poliziotti di bloccarlo opponeva una violenta resistenza. Considerati i gravi reati accertati nell’immediatezza dei fatti a suo carico e l’inosservanza al provvedimento cautelare, il sud americano veniva tratto in arresto e, su disposizione del Sostituto Procuratore di Turno, veniva collocato in carcere a Montacuto a disposizione dell’Autorità Giudiziaria procedente.







Questo è un articolo pubblicato il 07-11-2017 alle 14:21 sul giornale del 08 novembre 2017 - 761 letture

In questo articolo si parla di cronaca, redazione, ancona, vivere ancona, laura rotoloni, manette, vivereancona.it, redazione@vivereancona.it, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aOHe