Basket: terza vittoria su quattro per la Termoforgia Jesi

22/10/2017 - Neanche un black-out elettrico riesce a fermare la Termoforgia, che supera anche Piacenza, anche se con un po’ di batticuore.

Era la partita che metteva di fronte due tecnici che hanno lasciato il segno: Zanchi, per tre volte, in periodi diversi, sulla panchina jesina e Cagnazzo. Non hanno mai lavorato insieme, appartengono quindi a due periodi storici diversi. Alla fine si può dire che il presente ha avuto la meglio sul passato, pur se la squadra di Zancohi ha provato a portare a casa i due punti, giocando perfino un  prezioso match-ball con Formenti, allo scadere del tempo.

Jesi inizia il match con qualche difficoltà e trova i primi punti dopo oltre 5’; fortunatamente la squadra ospite non ne approfitta, sembra accontentarsi del 10-0 iniziale, facendosi  rimontare, già in chiusura di primo quarto.

A inizio secondo quarto la Termoforgia trova il primo vantaggio del match, grazie a Marini, dopo il time-out di Zanchi vanno ancora a segno Brown e quindi  Hasbrouck con 1/2 dalla lunetta; a quel punto la squadra di casa conduce 24-19.

Sull’azione seguente, l’Assigeco  ha appena superato la metà campo, un improvviso black-out lascia al buio il palasport; non si sa se a causa di un guasto, fatto sta che arriva la notizia di una situazione analoga al pala Guerrieri di Fabriano. L’attesa, oltre 20’ per permettere ai potenti riflettori di raffreddarsi e riaccendersi,  non fa eccessivamente bene alla squadra di casa, che alla ripresa del gioco, subisce due canestri consecutivi di Alredge.

La Termoforgia si rimette in cammino con Brown, 27-23 a 5’42” e capisce che serve molta più energia così riesce a tenere ancora a distanza l’avversaria. Al riposo la Termoforgia conduce 38-30; il peggio sembra essere passato.

Per quasi tutto il terzo periodo la squadra di Cagnazzo ha in mano l’inerzia della partita toccando un promettente +12, 51-39 a 6’48 però Piacenza  trova buone soluzioni al tiro e resta in partita, accorciando di nuovo le distanze: tabellone sul 58-56, in favore della squadra di casa, prima dell’ultimo break.

L’ultimo quarto si apre con una tripla di Formenti, che porta in vantaggio Piacenza, 59-58; è un campanello di allarme, per quello che accadrà nel finale. Quando a 6’22” dalla sirena Hasbrouck, trova uno di quei canestri che hanno il potere di fiaccare l’avversaria, vale a dire una tripla in transizione, che, tra l’altro, vale di nuovo un vantaggio in doppia cifra, la partita sembra destinata all’epilogo, pur con una eternità da giocare.

 Piacenza si rianima nella seconda parte di ultimo quarto: a 4’45” Jesi conduce di 9, un vantaggio che le potrebbe dare sicurezza, ma Piacenza trova le energie per piazzare un 10-0. Match completamente riaperto, con la Termoforgia che non riesce più ad allungare;  a 21” dalla fine la squadra di Zanchi trova addirittura il 79-79, grazie a una schiacciata in contropiede di Aldredge.

Ma come nel match precedente contro Treviso, dove non arrivano gambe e mani, per la Termoforgia arrivano cuore e… attributi, a 2” dalla fine Hasbrouck si porta a centro area, siglando il canestro dell’81-79.

A Piacenza restano appena 2”, ma la tripla di Formenti non arriva neanche a toccare l’anello.

Vittoria importante per Jesi, ma Cagnazzo ovviamente non si culla sugli allori: «La nostra prestazione è stata contraddistinta da un inizio molto soft, poi abbiamo ripreso la partita, siamo tornati nuovamente soft e quindi giocando senza quell’energia di cui mi avete spesso sentito parlare. Non dobbiamo mai perdere la consapevolezza che questo è un campionato durissimo in cui tutti hanno i mezzi per metterci in difficoltà e quindi, dopo questa partita dobbiamo fare non un passo in più, ma due o tre. In alcuni momenti siamo stati davvero superficiali e quindi è una cosa in cui dobbiamo migliorare da subito, quindi abbiamo molte cose su cui lavorare da martedì quando torneremo in palestra e allenarci ancora più duramente di quello che abbiamo fatto finora, perché in alcune situazioni dobbiamo essere ancora più duri e più presenti mentalmente.»

TERMOFORGIA JESI-ASSIGECO-PIACENZA  81-79

Termoforgia: Brown 22, Quarisa 13, Marini 15, Hasbrouck 21, Ihedioha 7, Kouyate ne, Mentonelli ne, Piccoli 3, Rinaldi ne, Valentini ne, Melderis ne, Massone. All.: Cagnazzo.

Assigeco: Guyton 11, Sanguinetti 17, Alredge 13, Oxilia 5, Reati 19, Montanari ne, Diouf ne, Fontecchio ne, Formenti 6, Infante 8, Seye ne, Dincic ne. All.: Zanchi.

Arbitri: Pepponi, Bonfante, Capurro.

Parziali: 18-19; 20-11; 20-26; 23-23

Spettatori:  1.805





Questo è un articolo pubblicato il 22-10-2017 alle 22:46 sul giornale del 23 ottobre 2017 - 318 letture

In questo articolo si parla di basket, sport, jesi, aurora basket jesi, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aOeg