Jesi: investe bambino sulle strisce ma non si ferma, i Carabinieri individuano la 50enne alla guida

Carabinieri 19/07/2017 - I militari del Radiomobile di Jesi, agli ordini del maresciallo Roberto Scarpone, hanno inoltrato una informativa sul conto di una 50 enne di Jesi, poiché si sarebbe resa responsabile dei reati di fuga in caso di incidente stradale con danno alle persone e omissione di soccorso alle persone ferite

Il fatto risale al 12 luglio scorso, quando in una via del centro storico è stato richiesto l'intervento dei carabinieri per un incidente stradale verificatosi verso le 19.30. Un bambino di 10 anni è stato investito da un'auto mentre con i genitori stava attraversando la strada sulle strisce pedonali.

L'auto però non si era fermata. Grazie alla collaborazione di alcuni testimoni che hanno rilevato il numero di targa è stato possibile identificare la conducente dell'auto. Si tratta di una 50enne jesina, che avrebbe poi dichiarato di aver visto il bambino alzarsi e di non essersi fermata per questo. Il bimbo ha invece riportato lesioni con una prognosi di 10 giorni.


di Cristina Carnevali
redazione@viverejesi.it




Questo è un articolo pubblicato il 19-07-2017 alle 00:17 sul giornale del 20 luglio 2017 - 1263 letture

In questo articolo si parla di cronaca, carabinieri, jesi, cristina carnevali, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aLmH