Jesi: serata di solidarietà e musica per le Marche ferite dal sisma nei luoghi di Gaspare Spontini

1' di lettura 04/07/2017 - Una serata nel suggestivo centro storico di Maiolati Spontini tra musica e piatti dei prodotti delle zone marchigiane terremotate. Appuntamento sabato prossimo, dalle 18, in piazza Garibaldi per una serata dedicata ai santi Aquila e Priscilla, commemorati dal martirologio romano proprio l'8 luglio.

“Santi Aquila e Priscilla” perché la vita e il martirio dei santi sono esempio di impegno sociale e solidarietà organizzata dalla Filarmonica Gaspare Spontini e voluta fortemente da un gruppo di appassionati escursionisti della Vallesina, camminatori “I cugini di montagna” che, innamorati dei paesaggi del centro Italia, dopo i tragici fatti del sisma, hanno allacciato un filo diretto con i produttori delle zone terremotate. Camminatori che, in questi giorni sono al lavoro per preparare l’aperitivo-cena alcuni dopo aver prelevato i prodotti a Montemonaco, altri per mettere a punto l’intrattenimento musicale (alcuni sono musicisti per professione o per diletto).

Dalle 18 sarà possibile degustare ceci, lenticchie, fagioli e polenta, cucinati dalle camminatrici, appassionate cuoche, ma anche crescia e dolci, protagonisti di un aperitivo-cena il cui ricavato sarà devoluto alla ricostruzione dei magazzini di un’azienda terremotata che i camminatori hanno conosciuto direttamente e deciso di aiutare.
Si potranno anche acquistare gli stessi legumi e farine confezionate, direttamente dalle mani dei produttori di Montemonaco, in un apposito stand.

L’intrattenimento musicale sarà per tutti i gusti: a cura della “Reciclato Blues friends band (spiegare), la “Mercurio band” di Matelica il coro polifonico “In..canto” e la Filarmonica Gaspare Spontini appunto. Musica e solidarietà per non dimenticare il disastro che ha ferito il Sud delle Marche, ma di fatto l’intera regione.

Info: 3336941256 oppure 333 9145541






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 04-07-2017 alle 10:14 sul giornale del 05 luglio 2017 - 414 letture

In questo articolo si parla di attualità, solidarietà, jesi