Grottammare, Casa di Alice, due anni all’operatrice e risarcimento alle famiglie

19/04/2017 - Alessandra Spina l’operatrice accusata di maltrattamenti è stata condannata a due anni con sospensione della pena (in quanto incensurata) e ad un risarcimento per ognuna delle tre famiglie di ragazzi autistici che si sono giudicate lese.

Questo è il responso dei giudici del Tribunale di Fermo che oggi 19 aprile hanno emesso la sentenza di primo grado del processo a carico dell’operatrice di Casa di Alice nell’inchiesta bis sul centro per autistici di Grottammare. Nel 2014erano stati arrestati altri cinque operatori.

Il pubblico ministero Domenico Seccia aveva chiesto due anni e mezzo.


di Roberto Guidotti  
redazione@viveresanbenedetto.it




Questo è un articolo pubblicato il 19-04-2017 alle 23:02 sul giornale del 20 aprile 2017 - 850 letture

In questo articolo si parla di cronaca, san benedetto del tronto, articolo, Roberto Guidotti

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aIB9