Pesaro: rete da pesca lunga 1 chilometro e 300 metri in area protetta, scatta il sequestro

Capitaneria di Porto Pesaro 12/04/2017 - Nella mattinata odierna il personale della Guardia Costiera di Pesaro, nel corso dell’ordinario pattugliamento della costa, ha rinvenuto una rete da posta lunga 1 chilometro e 300 metri che era stata illecitamente posizionata all’interno dell’area marina asservita ad un impianto di mitilicoltura, in zona antistante il Monte San Bartolo.

La lunga rete da pesca era stata collocata in un’area di mare dove la pesca non è consentita, in violazione di legge e normativa emessa dalla locale Autorità Marittima, senza targhette identificative ed in forma anonima. Gli uomini della Guardia Costiera hanno proceduto a salpare la rete, presumibilmente calata all’alba ed effettuato il sequestro delle attrezzature da pesca utilizzate in maniera del tutto irregolare.

“I controlli in mare e sulla costa proseguiranno” - ha detto il Capitano di Fregata (CP) Silvestro GIRGENTI – Comandante del Porto di Pesaro - “con il fine di mantenere sempre alta la soglia della sicurezza e verificare il rispetto delle norme vigenti in tutte le attività marittime, a tutela della vita umana in mare e dell’ambiente”.





Questo è un articolo pubblicato il 12-04-2017 alle 14:17 sul giornale del 13 aprile 2017 - 581 letture

In questo articolo si parla di cronaca, capitaneria di porto, redazione, pesaro, mare, rete, area protetta, articolo