M5S sulla sentenza del Tar per i dirigenti: "Regione contro Regione"

Regione Marche 28/03/2017 - Avevamo chiesto al Presidente Ceriscioli di riferire in aula quali fossero le intenzioni della Regione in merito all’annullamento del concorso per dirigenti regionali. Non ci sembra cosa da poco capire cosa si intenda fare, visto che ben 12 servizi dell’amministrazione regionale rischiano di rimanere senza guida.

Cesetti (al posto di un assente Ceriscioli) ci risponde in conferenza dei Capigruppo che “non vuole scoprire le carte” della linea difensiva. E che, se la difesa dovesse andare male, c’è “un piano B”, che però ci viene tenuto nascosto. Questa alzata di barricate fa pensare a due schieramenti contrapposti: da una parte la Regione e dall’altra ancora la Regione. Come in un moderno Kramer contro Kramer ci si trova a fronteggiare i membri della stessa famiglia. Dopo il pasticcio fatto con il concorso, non sarebbe meglio agire con trasparenza per trovare la soluzione più idonea per tutta l’amministrazione?

Nella prossima seduta del Consiglio, noi insisteremo con i mezzi a nostra disposizione (interrogazioni a risposta immediata) per cercare almeno di capire cosa bolle in pentola. Ma le premesse non sono buone. Regione contro Regione, quindi. E la controversia la pagano i marchigiani.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 28-03-2017 alle 12:26 sul giornale del 29 marzo 2017 - 1115 letture

In questo articolo si parla di regione marche, politica, Gianni Maggi, M5S, MoVimento 5 Stelle Ancona

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aHUC